Audi A4 Avant

By Vetrina

A4 Avant si posiziona nel segmento delle station wagon sportive. I propulsori e le caratteristiche dinamiche si accoppiano alla qualità di finiture e interni, elevate come da tradizione Audi.

La linea del tetto digradante e i montanti inclinati, sottolineano l’eleganza sportiva della station wagon tedesca. A4 Avant misura 4,70 metri, la carrozzeria risulta più rigida e più leggera, grazie alla realizzazione in acciaio. Con una capienza di 490 litri, il vano bagagli si colloca tra i migliori della categoria. Ribaltando il divano posteriore, si può ampliare il volume fino a 1.430 litri. A4 Avant sfrutta una serie di innovative tecnologie Audi. Il sistema di regolazione modulare ‘Audi drive select’ comanda quei componenti tecnici, che interessano le componenti emotive della guida. Il suo influsso riguarda la risposta del motore, i punti di cambiata del tiptronic e il funzionamento del servosterzo. Premendo un semplice tasto, il conducente può scegliere fra tre modalità: comfort, intermedia o sportiva. A questo si sommano il sistema di regolazione adattiva degli ammortizzatori, e lo sterzo dinamico Audi che stabilizza la vettura, effettuando dei piccoli e rapidi interventi di controsterzo.

Audi A4 Avant è disponibile con cinque motori a benzina e cinque motorizzazioni TDI, che coprono uno spettro di potenza da 120 CV (88 kW) a 265 CV (195 kW). La versione 2.0 TFSI adotta il sistema ‘Audi valvelift system’ (AVS), questa tecnologia raggiunge livelli prestazionali superiori, riducendo al contempo i consumi. Le quattro motorizzazioni, a partire dal 2.0 TDI 170 CV/125 kW, si possono avere, di serie o su richiesta, con la trazione integrale permanente quattro.
Il listino parte da 30.750 euro (1.8 TFSI) e prevede tre allestimenti: Attraction, Ambition dal carattere sportivo, e Ambiente più votata al comfort e ricca di stile. Per un’impronta ancor più dinamica alla vettura sono disponibili i pacchetti ‘S line exterior’ e il pacchetto sportivo ‘S line’.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 16 gennaio 2009