29 gennaio 2009 Redazione Autointhecity

Chevrolet Captiva White Edition

Nella versione White Edition, Chevrolet Captiva mostra finiture che richiamano il lusso e sofisticati equipaggiamenti, Questa serie speciale è realizzata sulla base della versione Sport 2.0 VCDi 7 posti (5+2), con cambio automatico e trazione integrale.

La tonalità bianco perlato della carrozzeria è una novità nella produzione Chevrolet. Tra le tante soluzione adottate, trovano posto i monitor Vizualogic da 7 pollici, inseriti nei poggiatesta anteriori. Questi sono collegati a singoli lettori DVD e soprattutto ad un ricevitore Quantum, per la televisione digitale terrestre. Presente il kit di navigazione JVC con display da 7 pollici, collegamento BlueTooth, regolazione touchscreen, telecomando, 2 cuffie agli infrarossi e telecamera a filo del paraurti posteriore con sistema di protezione camera. Le finiture interne sono del tipo Medici (con un sensazione particolare al tatto), di colore terra bruciata e all’altezza di un’automobile esclusiva. Sedili, poggiatesta, braccioli, pannelli porta sono rivestiti in pelle stampata. Il selettore del cambio ed alcune sezioni della corona del volante sono in pelle.

Il propulsore è un moderno 4 cilindri 16V disposto trasversalmente, con cilindrata di 1.991 cm, eroga 150 cv (110 kW) ed ha una coppia massima di 320 Nm a 2.000 giri/min. Di serie il filtro antiparticolato, non necessita di manutenzione né di additivi.
La popolarità di un SUV come Captiva vede gran parte del merito alla elevata versatilità che dimostra la vettura. La trazione integrale di Chevrolet Captiva trasferisce parte della trazione alle ruote posteriori con estrema rapidità, quando le condizioni lo richiedono. L’autotelaio adotta sospensioni anteriori tipo McPherson, a quattro punti di ancoraggio al retrotreno. Di serie il controllo elettronico della stabilità (ESC), ora più avanzato. Un vero angelo custode elettronico grazie al quale Captiva segue sempre fedelmente le traiettorie impostate dal conducente.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter