Land Rover Freelander Stop & Start

By Attualità

Per il 2009, tutte le Freelander diesel con trasmissione manuale, montano il sistema Stop & Start. Tecnologia che arresta automaticamente il motore quando il guidatore solleva il piede dall’acceleratore, frena e mette il cambio in folle.

Si ottiene così una riduzione dell’8 per cento delle emissioni di CO2. Ed un risultato ancora migliore nel traffico cittadino: i consumi diminuiscono da 7,5 litri a 6,8 litri per 100 km. L’arresto del motore quando il veicolo è fermo contribuisce a migliorare la qualità dell’aria nelle aree urbane. Riduce anche altre emissioni quali, quelle di monossido di carbonio, idrocarburi, ossidi di azoto e particolato.

Il software dello Stop &Start incorporato nel sistema di gestione del motore valuta ininterrottamente quando il motore può venire spento, senza rischi e quando deve essere riavviato. Generalmente lo spegnimento avviene quando il guidatore arresta il veicolo con il cambio in folle e rilascia il pedale della frizione. A meno che non occorra erogare potenza per altre funzioni, come la climatizzazione o lo sbrinamento del parabrezza.
Lo stesso software controlla anche il verificarsi di altre condizioni; ad esempio che il motore sia in temperatura, in quanto attivare il sistema a motore freddo influirebbe negativamente sulle emissioni, fallendo così il suo scopo. Il motore si riavvia quando viene azionato il pedale della frizione per innestare una marcia, ma anche allora il software controlla che il guidatore non abbia abbandonato il veicolo dopo l’arresto.

Un pulsante sulla plancia abilita o disabilita il sistema, ed una nuova icona sul pannello strumenti indica quando il motore è in modalità ‘Eco Stop’. Anche sul Centro Messaggi appaiono tutte le indicazioni utili ad una completa informazione del guidatore. Il sistema Stop & Start non pregiudica i prezzi di listino, che rimangono invariati. Freelander 2 TD4 è in vendita a partire da 33.700 euro.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 26 gennaio 2009