La sicurezza delle minicar

By Attualità

Un recente studio pubblicato negli Stati Uniti, ha evidenziato scarsi risultati nei crash test effettuati con le minicars. Sono veramente sicure?

Le minicars si stanno diffondendo rapidamente nelle nostre città. Si tratta di autovetture dalle dimensioni estremamente compatte, dal design accattivante e di tendenza, che facilitano gli spostamenti e richiedono spazi minimi per il parcheggio. Si direbbe che siano veramente l’ideale per agevolare la mobilità urbana, ma sono altrettanto sicure?

Alcune fra le minicars oggi più diffuse sono state sottoposte negli Stati Uniti ad una prova di crash test che ha evidenziato serie deformazioni nella zona guidatore a seguito dell’impatto frontale con autovetture di fascia media.
Considerando che in Italia il 75% degli incidenti stradali avviene nelle aree urbane, il fattore sicurezza può diventare una variabile critica nella scelta d’acquisto. La sicurezza però non dipende solamente dai risultati dei crash test. Nasce fondamentalmente dal nostro comportamento, dall’attenzione che poniamo mentre siamo alla guida, dal rispetto delle regole del codice della strada, dalla nostra prudenza. E questo riguarda qualsiasi mezzo ci troviamo a condurre, indipendentemente dai crash test. Se giriamo in bicicletta ricordiamoci di indossare il casco, in moto o scooter proteggiamoci sempre con l’abbigliamento adeguato, in automobile restiamo sempre lucidi e attenti.

Il principale artefice della sicurezza rimane sempre chi guida, è importante quindi diffondere la cultura della sicurezza partendo dal nostro esempio quotidiano. Ciò non esime però chi fabbrica automobili, a proseguire nella ricerca di nuove soluzioni per la salvaguardia delle persone. Chi cura la rete viaria a mantenerla efficiente e sicura. E chi deve controllare, a essere presente sulle strade a verificare costantemente il rispetto delle regole. Impegno arduo per tutti, ma che porterà grandi vantaggi per tutti.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 22 aprile 2009