10 dicembre 2009 Redazione Autointhecity

Prova Peugeot 3008 2.0 HDi

Versatilità di utilizzo, comfort e tanta tecnologia: ecco le doti salienti di Peugeot 3008. A suo agio in città come nei viaggi, la crossover francese si distingue per piacere di guida, e spazio a bordo.

LISTINO: da 22.000 a 31.100 euro

VERSIONE IN PROVA: Peugeot 3008 Outdoor 2.0 HDi FAP

DESIGN
Il debutto di Peugeot nel segmento crossover avviene in maniera originale. Il design è completamente nuovo, ma richiama numerosi tratti stilistici da altre vetture del gruppo. In primo luogo, nella vista frontale si nota la generosa presa d’aria del radiatore. La bocca domina proprio il frontale, ed è elegantemente rifinita da una griglia cromata (optional per la versione base). I fari anteriori assumono una forma allungata, e si incastonano tra il cofano bombato e i passaruota tagliati. Questa soluzione conferisce maturità all’aspetto, e si allinea alla recente produzione Peugeot. Il frontale alto e massiccio richiama la filosofia dei SUV, tuttavia la linea generale della vettura viene alleggerita dal parabrezza inclinato. Quest’ultimo effettua una piacevole curva, e prosegue fino al padiglione posteriore. In questa zona la carreggiata è larga e possente, apparentemente sovradimensionata rispetto all’altezza della vettura. I generosi proiettori posteriori sono posizionati alle estremità, e seguono col profilo la larghezza della vettura. La parte inferiore del portellone è a ribalta, e consente di spezzare la linearità del portellone. Infine, il paraurti posteriore ospita i retronebbia, e l’alloggiamento targa.

INTERNI
Le generose forme esterne fanno presagire un’abitabilità di riferimento, nella categoria delle crossover compatte. Si sale in maniera intuitiva, nonostante il basso montante del parabrezza. Al posto di guida, ci si siede come in una postazione di controllo. Il cruscotto si estende generoso verso il centro dell’abitacolo, e ospita un cospicuo numero di pulsanti e leve (in funzione dell’allestimento). La sensazione di avere tutto sottocontrollo, è amplificata dall’alto e massiccio tunnel centrale. Su questo elemento, troviamo praticamente tutto. Il comando del Grip Control (optional), lo sgancio elettronico del freno di stazionamento e un generoso bracciolo, che cela un vano profondo e capiente. Il sedile di guida è completamente regolabile, e il volante permette la variazione in altezza e profondità.
Anche i passeggeri posteriori siedono comodi, a livello delle berline di segmento più alto. Per loro sono persino presenti degli scomparti, sotto il tappetino poggiapiedi. La carreggiate larga, consente inoltre una buona distanza tra i sedili. Davanti le due unità sono separate dal generoso tunnel, dietro consentono a tre persone di sedere comode. Nell’eventualità siano solo due gli ospiti posteriori, è possibile ribaltare lo schienale centrale, ottenendo un comodo appoggio.

BAGAGLIAIO
Modularità è la parola d’ordine, per la gestione dei bagagli e degli oggetti, su Peugeot 3008. Il vano di carico è capiente 432 litri, suddivisi da un pratico pianale intermedio. La funzionalità di questo elemento, si distingue per l’azionamento con una sola mano, e per l’ampia escursione delle tre posizioni possibili. In questo modo i due vani di carico possono variare considerevolmente, e si adeguano all’altezza della soglia di carico. Anche questa è duplice, per via del ribaltamento della parte inferiore del portellone, al fine di agevolare le operazioni di carico. Nello stesso vano sono presenti una pratica luce/torcia ricaricabile, la presa di corrente e la cappelliera superiore.

ALLESTIMENTI
Premium, Tecno e Outdoor sono i tre allestimenti a disposizione di Peugeot 3008. Il livello base Premium, comprende climatizzatore manuale, piano di carico regolabile su tre posizioni, retrovisori esterni in tinta con la carrozzeria e riscaldabili, volante regolabile in altezza e profondità, computer di bordo, cerchi in lamiera da 17 pollici, maniglia sul tunnel centrale e volante in pelle. Tecno aggiunge Dynamic Rolling Control (solo per 2.0 HDi e 1.6 THP), climatizzatore automatico bizona, cruise control, fendinebbia e cerchi in lega da 17 pollici. Outdoor è la versione più accessoriata, utilizzata per la prova, ed include Head Up Display, tendine parasole seconda fila, specchi cromati, Pack Visibilità, e cerchi in lega da 18 pollici. La vettura in prova era inoltre dotata di tetto panoramico, sensori parcheggio anteriori, sistema multimediale Wip Com 3D, e Grip Control. Quest’ultimo consente la trazione su svariate condizioni di aderenza, e si abbina all’installazione di pneumatici Michelin Latitude Tour con cerchi da 16 pollici.

SICUREZZA
La sensibilità di Peugeot su questo argomento, è sottolineata dall’elevato numero di sistemi di sicurezza attiva e passiva, presenti di serie fin dalla versione base di 3008: airbag conducente, laterali e a tendina, ESP, Hill Holder (per partenze in salita), piantone sterzo retrattile e ganci Isofix. Gli unici equipaggiamenti che fanno eccezione sono il Dynamic Rolling Control, disponibile su 2.0 HDi e 1.6 THP Tecno e Outdoor; Head Up Display con Distance Alert, di serie con Outdoor, e l’allarme volumetrico, a pagamento per tutte le versioni. Da segnalare, in abbinamento a Wip Com 3D, il sistema Peugeot Sécurité per le situazioni di emergenza.

TECNOLOGIA
Peugeot 3008 rappresenta un vero e proprio concentrato di tecnologia. Le innovazioni disponibili su questa vettura sono tali, da richiedere uno specifico approfondimento. Abbiamo quindi deciso di dedicare ai capitoli più significativi, un articolo dedicato. Questi contenuti sono facilmente individuabili, cercando le parole ‘Peugeot 3008’ sul nostro portale.

MOTORE
L’unità della nostra prova è il 2.0 HDi, con 150 cavalli di potenza massima e ben 340 Nm di coppia già a 2.000 giri. Il funzionamento è regolare alla partenza, e la gestione dell’iniezione consente una linearità di funzionamento esemplare fin dai regimi più bassi. La crescita è costante fino ai 2.000 giri, dove il propulsore comincia a far avvertire in maniera corposa la propria spinta. Da qui si cresce ancora, ma oltre i 3 – 4.000 giri si consiglia di cambiare rapporto, per sfruttare la generosa erogazione ai medi. In tragitti extraurbani la risposta al pedale dall’acceleratore è sempre pronta e fluida, mettendo sempre a proprio agio il pilota. I 6 rapporti del cambio manuale sono corti e precisi, garantendo all’occorrenza grinta e sportività nelle accelerazioni. Grazie alla buona distensione delle ultime marce, è possibile spuntare consumi di tutto rispetto, nell’ordine dei 17 km/l in extraurbano.

SU STRADA
La generosa forma della carrozzeria trasmette un’aspettativa di guida morbida e paciosa. Tuttavia al volante di Peugeot 3008 scopriamo la buona rigidità torsionale della vettura e soprattutto il benefico effetto del sistema Dynamic Rolling Control (di serie sulla versione in prova). Questa soluzione consente una notevole stabilità e tenuta, anche nelle curve prese con maggior brio. Di fatto, riesce praticamente ad azzerare il rollio tipico dei SUV. L’ergonomia dei comandi porta inoltre ad avere subito confidenza con la vettura, permettendo una guida rilassata. In città il volume esterno si fa sentire, anche per effetto del ridotto angolo di sterzo, che impone qualche manovra in più nelle inversioni più strette. Tuttavia in velocità lo sterzo è sempre preciso, e rigoroso nel seguire la traiettoria impostata. In extraurbano si apprezza la silenziosità dell’abitacolo, ed il confort a bordo. Peugeot 3008 predilige dunque i viaggi, ma si adatta anche alle esigenze giornaliere della famiglia, grazie a facilità di guida, alla generosa possibilità di carico, ed al livello di comfort. Buona la risposta dell’impianto frenante, anche in funzione della massa complessiva di questa vettura.

PRO
Piacere di guida
Comfort a bordo
Sicurezza
Tecnologia disponibile

CONTRO
Diametro di sterzata
Taratura sensori di parcheggio

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter