28 aprile 2010 Redazione Autointhecity

Prova Citroen C-Crosser 2.2 HDI

Il SUV di Citroen si chiama C-Crosser. Un elegante e confortevole equipaggiamento interno, per ospitare fino a 7 passeggeri. E’ possibile scegliere modalità di trazione, e stile di guida, per guidare in sicurezza e mantenere piacere di guida.

LISTINO: da 32.080 a 38.930 euro

VERSIONE IN PROVA: Citroen C-Crosser 2.2 HDI FAP 160 CV DCS Exclusive Style

DESIGN
Le generose dimensioni del SUV Citroen sono una scelta obbligata per il posizionamento dei due posti supplementari, situati nel bagagliaio. La vista anteriore vede il lungo cofano sagomato, che sovrasta gli ‘Chevron’ cromati. Questi si allungano sulla calandra, fino ad incrociare la sagoma dei fari. I fari anteriori seguono le forme dei passaruota e proiettano la vista sulle lunghe fiancate. Le forme tondeggianti del frontale si contrappongono ad una visione posteriore più squadrata. Sulle fiancate è inoltre raffigurata la ‘rosa dei venti’, simbolo che ricorda l’attitudine ai viaggi di C-Crosser. Le misure del SUV Citroen si fermano a 4,64 m di lunghezza, 1,81 m di larghezza e 1,71 m di altezza (con barre sul tetto).

INTERNI
Le dimensioni esterne di C-Crosser hanno permesso la creazione di ampi spazi interni. I sedili anteriori sono semiavvolgenti, ed intervallati da un pratico vano portaoggetti, che fa anche da poggia braccio. L’abitabilità a bordo è decisamente confortevole, sia per la prima, sia per la seconda fila. I sedili posteriori sono scorrevoli e si possono reclinare in avanti (grazie alla ripartizione 60/40), lasciando spazio per l’ingresso alla terza fila di sedili (a scomparsa). Quest’ultima risulta ovviamente più sacrificata rispetto alle prime due file, ma è comunque dotata di poggiatesta e cinture di sicurezza. Di fatto sono due posti, indicati per il trasporto di bambini.
Il posizionamento di leve e comandi consente una presa facile ed intuitiva. La strumentazione si estende orizzontalmente ed è divisa in tre quadranti: i due esterni analogici, quello centrale costituito da un riquadro digitale. Quest’ultimo è incaricato di segnalare le principali indicazioni, come quelle per la navigazione, la marcia inserita o il consumo di carburante. C-Crosser in prova era dotato di uno schermo LCD con tecnologia touchscreen, posizionato al centro della plancia. Questo schermo riporta le informazioni su radio, CD, navigatore, telecamera posteriore e perfino agenda. Una telecamera posteriore si attiva automaticamente quando viene inserita la retromarcia.

BAGAGLIAIO
La capacità di carico è una delle caratteristiche principali di C-Crosser. L’ampio vano bagagli presenta una sezione piatta, e risulta di facile accesso. Grazie anche all’apertura in due parti del portellone, in questo modo si crea un utile allineamento del piano di carico. Questa soluzione permette di far scorrere gli oggetti voluminosi e pesanti senza troppi sforzi. Il portellone è inoltre capace di sostenere ben 200 kg di peso. Nella configurazione più utilizzata (con 5 posti, fila 3 ripiegata e copertura della cappelliera), la capacità di carico è di 510 decimetri cubi, che diventano 815 traslando in avanti la seconda fila di sedili.

ALLESTIMENTI
Tre gli allestimenti disponibili per Citroen C-Crosser: Base, Dinamique ed Exclusive Style. Quest’ultimo caratterizzava la versione in prova. La dotazione di serie in questo caso è davvero elevata, e sono pochi gli accessori disponibili come optional. Per quanto riguarda la sicurezza ABS, EBD, ESP, Airbag laterali e anteriori, fari allo Xeno e sensori di parcheggio posteriori sono di serie. Il comfort prevede come unico optional il tetto apribile elettricamente. Il comodo navigatore con schermo touch screen a colori è optional, mentre il caricatore da 6 CD, radio con 6 altoparlanti e comandi al volante sono di serie.

SICUREZZA
Citroen C-Crosser è dotata di serie di numerosi sistemi di sicurezza attiva e passiva. Non possono mancare ovviamente ABS, EBD ed ESP. All’interno troviamo poi airbag conducente e passeggero (disattivabile), airbag laterali ed a tendina (prima e seconda fila). Le cinture di sicurezza a tre punti d’attacco, presentano il limitatore di sforzo. Sul sedile posteriore sono presenti poi ben 2 attacchi Isofix. Citroen, adotta gli stessi equipaggiamenti di sicurezza per i tre allestimenti.

MOTORE
Il SUV di Citroen è disponibile in un’unica motorizzazione diesel 2.2 HDI FAP da 160 CV. La potenza massima viene rilevata a 4.000 giri, mentre la coppia massima raggiunge il picco di 380 Nm a 2.000 giri. Il modello in prova era dotato inoltre del cambio automatico DCS, doppia frizione a 6 rapporti. In questa configurazione, è presente un pulsante con la scelta della mappatura: Normal o Sport. L’elettronica lavora sulla modalità di trasmissione a terra di coppia e potenza, dotando C-Crosser di una doppia personalità, riconducibile al nome della mappatura inserita. Se la configurazione Normal favorisce la linearità di utilizzo, inserendo la mappatura Sport il carattere del 2.2 litri Citroen comincia a farsi sentire. La risposta al pedale del gas è più immediata, e le cambiate avvengono ad un numero più elevato di giri. I 198 km/h di velocità massima e gli 11,1 secondi di accelerazione dai 0 ai 100 km/h, danno un’idea delle prestazioni di C-Crosser. Il peso del SUV francese non va a braccetto con i consumi, che si sono rilevati apprezzabili. Il consumo di carburante è ulteriormente accentuato, in caso di guida con la modalità Sport.

SU STRADA
La guida è positivamente influenzata dalla buona abitabilità e dall’elevato comfort a bordo. Merito sia della seduta alta ed accogliente, sia di un sistema di sospensioni che copia bene le asperità del terreno. Caratteristica dovuta anche alla predisposizione ad un utilizzo fuoristradistico di C-Crosser. Aumentando l’andatura la vettura diventa però più reattiva, con la caratterizzazione di un leggero rollio tipico dei SUV. Gli oltre 2.000 kg di peso di C-Crosser non impensieriscono comunque il valido impianto frenante, caratterizzato da dischi ventilati e a doppio pistone frontalmente, e dischi semplici al posteriore. Anche il pedale del freno non richiede particolare sforzo, per un’immediata risposta frenante.I comandi presenti nell’abitacolo sono ben raggiungibili, comprese le palette di cambiata posizionate a ridosso del volante. C-Crosser predilige, causa le dimensioni, viaggiare in spazi aperti, tuttavia la buona visibilità data dall’ampia vetreria e la telecamera posizionata al posteriore, permettono manovre sicure anche in città.

OFF-ROAD
Il selettore posizionato appena dietro alla leva del cambio, permette di scegliere la modalità di trazione più adatta ad ogni situazione. Ruotando il selettore si possono selezionare le voci: 2WD, 4WD e Lock. La prima è adatta ad un utilizzo su fondi asfaltati e con buona aderenza. 4WD è la modalità a quattro ruote motrici e ripartisce automaticamente la coppia tra avantreno e retrotreno . La motricità resta comunque sulle ruote anteriori, ed il rinvio di coppia sulle ruote posteriori è gestito dal processore, a seconda delle condizioni di aderenza.
Lock è consigliata in condizioni di scarsa aderenza (neve, sabbia o fango). In questa modalità la coppia inviata alle ruote posteriori risulta superiore rispetto alla modalità 4WD, ottimizzando la ripartizione anteriore-posteriore, per una superiore motricità nei percorsi off-road. 22 gradi anteriore e 21 gradi posteriore sono invece rispettivamente gli angoli di attacco, ed uscita di Citroen C-Crosser.

PRO
Comfort
Abitabilità
Capacità di carico

CONTRO
Consumi

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter