Prova Great Wall Steed

By Prove

Il pick-up di Great Wall si chiama Steed. Partendo da una affidabile motorizzazione, si presenta come valido e competitivo mezzo da lavoro.

LISTINO: Da 16.104 a 18.563 euro

VERSIONE IN PROVA: Steed 2.4 ECODUAL, Super Luxury 4WD

DESIGN
Il frontale è caratterizzato da un lungo cofano motore, che inizia dai fari e dalla bella mascherina cromata centrale. I fari fendinebbia sono invece posizionati più in basso, sul paraurti anteriore, con il logo sul cofano motore. La linea tondeggiante del frontale ben si coniuga con la visione laterale. Quest’ultima è caratterizzata da un’ampia vetreria fumé e dalla lunga barra poggiapiedi inferiore. Posteriormente troviamo invece il classico cassone, ed il paraurti posteriore d’acciaio ma ricoperto in plastica. La carrozzeria presenta ben 10 configurazioni di colore, alcune caratterizzate da una elegante doppia colorazione. Con paraurti e passaruota di tonalità diversa dalla carrozzeria. Chiudono la visione estetica i bei cerchi in lega sei razze, disponibili di serie.

INTERNI
All’interno del veicolo si percepisce maggiormente l’indole di questo pick-up. Anche se la qualità costruttiva risulta adeguata al prezzo di Steed, si nota una notevole semplicità del design interno. Non c’è spazio per accessori e dotazioni tipiche di auto votate ad un utilizzo più ‘turistico’. Great Wall Steed è infatti un mezzo da lavoro, adatto anche ad un utilizzo quotidiano, ma costruito con un equipaggiamento ‘basilare’. Le leve al volante ed i pulsanti posizionati sulla plancia sono di discreta fattura ed immediato utilizzo. E’ invece leggermente arretrato il cassetto portaoggetti, tra le due poltrone frontali. Il piccolo vano posto sotto la radio non è dotato di materiale antiscivolo, ed è quindi poco pratico in marcia. La seduta è invece davvero confortevole, merito soprattutto dello spazio disponibile internamente, e degli ampi sedili rivestiti in pelle. Discorso che vale sia per il guidatore, sia per i passeggeri posteriori. Sono 5 in totale i posti disponibili nella configurazione da noi provata, a doppia cabina. La strumentazione risulta semplice ed intuitiva nella lettura. E’ costituita da due voluminosi elementi circolari che indicano numero di giri e velocità massima. Un piccolo schermo LCD indica poi ora e km totali.

CAPACITA’ DI CARICO
Il cassone posteriore (largo 1.380 mm, lungo 1.460 mm ed alto 480 mm) è dotato di serie di ganci per il fissaggio di corde. Comodo per trasportare quindi anche moto da cross (ad esempio). Accederci è facile, grazie al portellone posteriore posizionato ad una giusta altezza. Great wall offre inoltre la possibilità di ricoprire il cassone posteriore, con diversi hard top dedicati. Questi possono assumere una differente forma: squadrata, aerodinamica o radente al cassone posteriore. Rispettivamente con il nome di Standard, Executive e Special. La loro apertura avviene mediante un tasto posizionato all’interno dell’abitacolo, adiacente al volante. I vetri neri permettono inoltre di posizionare qualche bagaglio anche nell’abitacolo, lontano da sguardi ‘curiosi’.

ALLESTIMENTI
Great Wall Steed è disponibile in due allestimenti: Luxury 2WD e Super Luxury 4WD. L’unica vera differenza risiede nella diversa copertura degli interni. Luxury è disponibile con i soli interni in tessuto, mentre Super Luxury è dotato di interni in pelle. Tra i pochi optional disponibili per le due versioni troviamo il rivestimento in plastica del cassone, la vernice metallizzata o bicolore e l’alloggiamento dell’impianto GPL. Tutto il resto è presente di serie. Disponibile in tutti gli allestimenti volante e pomello del cambio in pelle, dei fendinebbia, degli specchietti retrovisori laterali elettrici e dei cerchi in lega da 16 pollici.

MOTORE
Great Wall, per il comparto motoristico di Steed, si basa su una valida partnership con Mitsubishi. Il motore, di cilindrata 2.378 centimetri cubici, è alimentato a benzina. Le prestazioni contenute del propulsore a quattro cilindri, si assestano sui 126 CV a 5.250 giri ed una coppia massima di 200 Nm a 2.500 giri. L’impianto GPL montato sulla versione in prova, non fa variare di tanto questi valori. Le prestazioni risultano adeguate ad ogni tipologia di utilizzo. Partendo dalla città, dove l’impianto GPL permette di entrare in zone a traffico limitato, arrivando all’autostrada dove non crea nessun problema mantenere velocità di crociera di 130 km/h. L’unico vero appunto da fare è in fase di sorpasso, dove il peso del veicolo (2.790 kg) costringe ad una rapida scalata di marcia (5 in totale). Per sentire il vero potenziale del motore è necessario salire di giri, dove la risposta diventa più vigorosa.

SU STRADA
Great Wall Steed non è solamente un veicolo da lavoro, ma anche un valido mezzo utilizzabile su tutti i tipi di fondo grazie alla presenza delle quattro ruote motrici. Vanno naturalmente tenute presenti le dimensioni complessive,soprattutto in città (5.040 mm di lunghezza e 1.800 mm di larghezza). Il semplice allestimento non comprende gli ormai diffusi sensori di parcheggio, è quindi necessario prestare attenzione in manovra. Ovviamente scarsa la visibilità posteriore, data dalla presenza del copri cassone. La tenuta di strada è comunque discreta, ed anche nelle curve più accentuate il rollio non è così evidente, così come il coricamento laterale. Le sospensioni assorbono bene buche improvvise, ma in una sequenza continuata di asperità, le sospensioni posteriori interconnesse con balestre, rendono il posteriore particolarmente reattivo.

IN FUORISTRADA
Il pick-up di Great Wall è disponibile nelle configurazioni 4×2 e 4×4 inseribile. Quest’ultima caratterizza l’auto della nostra prova. Attivare il sistema è semplice: a bassa andatura, o ancora meglio da fermi, è sufficiente cliccare sui pulsanti posizionati sulla plancia. Scegliendo tra le modalità 4×2, 4x4H e 4x4L. L’utilizzo di quest’ultime è consigliato ovviamente in fuoristrada, su fondi sconnessi e scivolosi. La vettura risulta facile da controllare, ma va ricordato che gli angoli di attacco non sono certo da primato e che con il cassone vuoto, il pick-up si alleggerisce posteriormente.

PRO
Rapporto qualità prezzo
Capacità di carico

CONTRO
Semplicità allestimenti
Prestazioni limitate

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 8 aprile 2010