11 giugno 2010 Redazione Autointhecity

Donnavventura 2010 verso l’Egitto

Dal 1989 Donnavventura significa donne in fuoristrada, attraverso i continenti più remoti. L’edizione 2010 parte il 20 agosto dall’Italia con destinazione Egitto, viaggerà su Mitsubishi L200 e la nuova ASX.

E’ una storia lunga quella di Donnavventura, con la partecipazione complessiva di quasi 200 ragazze ed oltre 300 mila chilometri percorsi. Viaggi ogni volta diversi, ma caratterizzati dalla sfida verso situazioni difficili ed ostacoli legati a terre estreme e inospitali.

Il tema dell’edizione 2010 è ‘Dalle Alpi alle Piramidi’, e dall’Italia attraverserà Grecia, Turchia, Siria, Giordania per terminare in Egitto. Quattro mesi di viaggio, con paesaggi che vanno dalle isole del Dodecaneso al deserto del Sahara.
Tra le novità, il colore bianco della carovana, che sostituirà il tradizionale rosso delle passate edizioni. Ancora una volta saranno i pick-up Mitsubishi L200 (rinnovati dal recente restyling), e la nuova crossover Mitsubishi ASX. Se il primo veicolo è una conferma, per le doti fuoristradistiche anche su lunghe percorrenze, il secondo è una novità su cui il costruttore giapponese punta in maniera decisa, viste le caratteristiche che riassumono la filosofia Mitsubishi in termini di innovazione.
I mezzi saranno equipaggiati da pneumatici Yokohama, ovvero Advan S.T. e Geolandar A/T-S. In particolare gli Advan S.T. mantengono un grip costante in ogni condizione climatica, mentre Geolandar A/T-S è indicato in condizioni sia di guida su asfalto che offroad.
In merito alle ragazze partecipanti, delle 90 mila iscritte al database di Donnavventura, ne sono state selezionate 5.000. Tra queste una cinquantina saranno invitate alla selezione finale che si svolgerà a Milano a metà luglio. Le 12 finaliste saranno scelte dopo prove di abilità alla guida e davanti alla telecamera: partiranno immediatamente per il campo base in Valle d’Aosta. Dopo una settimana di addestramento, per 6 protagoniste questa affascinante avventura diventerà realtà.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter