27 luglio 2010 Redazione Autointhecity

Motorsports eco-compatibile per Yokohama

Il produttore giapponese di gomme è alla continua ricerca di tecnologie eco compatibili, per la realizzazione degli pneumatici destinati alle competizioni. Presto arriveranno anche su buona parte dei prodotti disponibili per tutti gli automobilisti.

Un esempio chiarificante di questa filosofia è la produzione nel 2010 dei pneumatici destinati al WTCC, il Campionato Mondiale Turismo. Yokohama è partner tecnico da 5 anni, e da quest’anno le gomme sono prodotte a partire da olio di agrumi e con una maggior quantità di gomma naturale. Con questa soluzione si riduce parte delle componenti che derivano dal petrolio e si limita l’impatto ambientale del pneumatico stesso. Le prestazioni non risentono della nuova costruzione della gomma, garantendo performance sportive, tenuta, handling e sicurezza pari ai precedenti modelli di pneumatici. Il nome della versione 2010 degli pneumatici del WTCC è “ADVAN ENV-R1”, e contribuiscono a rendere più calzante il termine ‘motorsports verde’.

Tra le altre competizioni che sfruttano tecnologie verdi figura la Pikes Peak International Hill Climb, la gara in salita più importante al mondo. Yokohama è scesa in pista su questo tracciato di montagna con il modello di pneumatico Geolandar H/T-S, montato su una vettura elettrica. La prestazione del team Yokohama è stata la migliore di sempre per un veicolo elettrico. Gli pneumatici appositamente sviluppati, erano composti da oli naturali, mentre innovativi brevetti sono stati studiati per produrre un pneumatico a minor impatto ambientale possibile. I Geolandar utilizzati, al di là dell’innovazione in termini ecologici, hanno saputo offrire prestazioni di tenuta e resistenza ottimali, al pari dei prodotti tradizionali.

Alla luce di questi risultati, Yokohama si propone di rendere tutti i propri pneumatici di serie “environmentally sound”, ovvero in sintonia con l’ambiente, entro il centenario dalla fondazione della società, che si festeggerà nel 2017.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter