Prova Seat Altea XL 1.6 BiFuel

By Prove

Dotata di buona abitabilità interna, Seat Altea XL si rivela rivolta ad un utilizzo famigliare. La linea si ispira ai veicoli multi spazio, ma resta tipicamente Seat, conferendo alla vettura un aspetto aggressivo.

LISTINO: da 15.250 a 23.600 euro

VERSIONE IN PROVA: Seat Altea XL 1.6 BiFuel Style

DESIGN
Seat Altea ha subito un recente rinnovamento stilistico del design esterno. I tratti distintivi di questa vettura sono da ricercare soprattutto nel frontale e nel posteriore. Nella parte anteriore colpisce anzitutto la nuova calandra, con il logo Seat più piccolo e un ampio profilo cromato. Appena sotto troviamo il paraurti caratterizzato da linee tese, con prese d’aria a forma trapezoidale. Ad affilare però lo sguardo anteriore ci pensano gli ampi fari, dai quali parte la nervatura della fiancata laterale. Seat Altea è comunque caratterizzata da una pulizia generale delle linee. Un esempio ne sono i tergicristalli anteriori, nascosti dietro i montanti.
La visione laterale mette in mostra il carattere sportiveggiante di Altea XL: la lunga e pronunciata nervatura taglia a metà le portiere, per poi scendere e risalire disegnando il passaruota posteriore.
Dietro troviamo invece l’ampio lunotto che copre interamente la superficie del portellone. L’apertura di quest’ultimo si ottiene spingendo la parte superiore del logo Seat.

INTERNI
L’appellativo ”XL” si dimostra azzeccato soprattutto nella parte interna dell’auto. Se le linee esterne nascondono le misure di Altea, all’interno si percepisce fin da subito un elevato senso di abitabilità. I sedili anteriori avvolgono bene il busto, rendendo la seduta confortevole anche per i lunghi viaggi. Unico neo è l’impossibilità di regolare longitudinalmente il bracciolo centrale, posizionato arretrato rispetto al guidatore. La propensione ai lunghi viaggi ed all’utilizzo famigliare si nota anche nella presenza dei ‘tavolini’ a scomparsa, posizionati nel retro dei sedili anteriori e delle tendine parasole nascoste nelle portiere posteriori. Nel caso si viaggiasse in quattro, è possibile inoltre rovesciare l’attrezzato bracciolo centrale posteriore.
Buona la qualità generale di plastiche, tessuti ed assemblaggi. Tutti i comandi sono ben posizionati per un’adeguata ergonomia da parte del guidatore. La console centrale prevede (nella versione in prova) la presenza di uno schermo LCD touchscreen con radio, navigatore e telefono integrati. La strumentazione è formata invece da tre riquadri circolari indicanti: numero di giri motore, velocità, livello carburante ed un piccolo computer di bordo con comandi al volante.

BAGAGLIAIO
Seat Altea XL presenta un vano bagagli davvero capiente. I 532 litri di capienza minima (444 su versioni BI FUEL) possono raggiungere i 732 litri, se si traslano in avanti i sedili posteriori. Il movimento avviene tramite dei comodi tiranti sui sedili, e permette di spostare la seduta di ben 16 centimetri.
La presenza della bombola di GPL non influenza più di tanto la capacità di carico, che conta anche un capiente vano nascosto sotto il piano del bagagliaio.
All’interno della vettura sono poi posti numerosi scompartimenti dove riporre svariati oggetti.

ALLESTIMENTI
Seat Altea XL con alimentazione bifuel, è disponibile in due differenti allestimenti. Alla base troviamo Reference che include il climatizzatore, l’autoradio con 6 altoparlanti, il sistema Hill Hold, il controllo di stabilità e della trazione. Più sopra si posiziona l’allestimento della vettura della nostra prova, Style. Si aggiungono fendinebbia, ingresso USB, vetri posteriori oscurati e cerchi in lega. Tra gli optional disponibili figurano infine numerosi pacchetti che comprendono svariati accessori: dal navigatore satellitare fino ai tavolini nel retro dei sedili anteriori.

SICUREZZA
Tutte le caratteristiche di auto famigliare, citate fino a qui, non potevano che far intuire l’elevato livello di sicurezza di Seat Altea XL. L’auto è dotata dei sistemi ABS, TCS, ESP ed EBA, volti ad aiutare il pilota nelle situazioni di frenata e tenuta di strada su fondi con scarsa aderenza. Sono presenti inoltre airbag anteriori, laterali e 2 a tendina. I sedili posteriori sono dotati di punti di ancoraggio Isofix. Comoda inoltre la spia di controllo pressione pneumatici, che scongiura ogni pericolo durante la marcia.

MOTORE
L’auto monta il collaudato motore quattro cilindri, 8 valvole da 1.595 cc. Questa versione a benzina di Seat Altea XL prevede la presenza della doppia alimentazione a GPL. Un buon compromesso se si ragiona in termini di economia di utilizzo, meno per quanto riguarda le prestazioni. I consumi si aggirano sui 9,8 l/100km se si utilizza il GPL in un ciclo combinato, 7,5 con alimentazione a benzina. Le emissioni di CO2 stazionano invece su livelli pari a 159 g/km in configurazione GPL, 179 a benzina. Seat Altea XL rispetta le normative anti inquinamento Euro 4.
A questi numeri si contrappongono invece prestazioni non certo da centometrista. La potenza massima dichiarata è di 102 CV con alimentazione a benzina, 98 CV se GPL. La coppia si assesta sui 148 Nm a 3.800 giri, 144 Nm a se si utilizza alimentazione a GPL.

SU STRADA
Nuova Seat Altea XL migliora sotto il punto di vista del comfort di bordo, senza tralasciare il carattere sportiveggiante che contraddistingue il marchio Seat. Per farlo si è intervenuto su due precisi aspetti: la modifica delle tarature degli ammortizzatori, ottimizzando le valvole idrauliche e la ridistribuzione delle lunghezze dei supporti del motore. Grazie a questi interventi, Altea XL si è trasformata in vettura più confortevole, pur mantenendo le buone qualità dinamiche che la distinguono. Frizione e cambio risultano morbidi e precisi negli innesti. Il carattere pacato del propulsore sulla versione in prova, costringe a scalare marcia di frequente, e per sfruttare a pieno le capacità del quattro cilindri è necessario attendere nel salire di marcia, salendo quasi alla zona rossa del contagiri. Il comfort a bordo è comunque sempre elevato, in ogni condizione di guida.
Un’altra funzione elettronica è il Hill Hold Control (sistema di assistenza alla
partenza in pendenza). Quando si rilascia il freno per premere l’acceleratore, la vettura
viene trattenuta per due secondi; in questo modo il sistema evita che la vettura retroceda
o avanzi inavvertitamente, risultando utile anche nelle manovre e nella guida in città.

PRO
Abitabilità
Utilizzo famigliare
Comfort

CONTRO
Prestazioni motore
Bracciolo anteriore arretrato

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 16 luglio 2010