Car2gether è il ride sharing di Daimler

By Attualità

Il nuovo progetto di mobilità urbana Daimler si chiama car2gether, ed è in fase di test in due cittadine tedesche. L’innovazione consiste nel consultare la disponibilità direttamente on-line, in tempo reale via pc o telefono.

Il conducente e i potenziali passeggeri sono in contatto direttamente tramite cellulare o pc. Per fare questo occorre registrarsi sull’apposito sito e creare un proprio profilo, poi attraverso il sito stesso o per mezzo dell’applicazione gratuita per smartphone è possibile inserire la propria richiesta di spostamento. Un complesso algoritmo di calcolo armonizza domanda ed offerta, inviando all’utente informazioni dettagliate sulle persone alla guida delle vetture o sui passeggeri. Gli utenti possono confermare la loro richiesta tramite telefono cellulare o pc.

I costi di trasporto non si basano sulla distanza percorsa, ma sul tempo impiegato e vengono calcolati al minuto. Durante la fase pilota, i passeggeri pagheranno il guidatore in contanti, ma in futuro si prevede un sistema di pagamento automatico ‘cashless’. L’utilizzo di car2gether attraverso siti web o applicazioni smartphone nella fase pilota è gratuito.

Il sistema si basa sul crescente successo dei collegamenti Internet mobili e delle molteplici possibilità di comunicazione oggi disponibili. I sociologi prevedono che, considerate le attuali condizioni di vita nelle città, in futuro un crescente numero di persone non possederà una vettura personale (soprattutto per la mobilità cittadina). Dichiara il Project Manager Michael Kuhn: ‘Esiste ancora il bisogno di una mobilità flessibile, conveniente ed economica. Con car2gether, noi offriamo questi vantaggi e parallelamente favoriamo anche un utilizzo più efficiente delle risorse energetiche’. Daimler è il primo costruttore automobilistico a sperimentare questa forma di mobilità, con un progetto pilota che utilizza un intelligente e moderno sistema di ride sharing pensato per le necessità delle aree urbane.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 13 ottobre 2010