Chevrolet Cruze in versione 5 porte

By Novità

Con la configurazione a cinque porte, Chevrolet offre una chiave di lettura differente dalle moderne berline. La linea diventa più sportiva, allargando l’offerta del costruttore americano nel segmento delle compatte.

L’esposizione al recente salone parigino della Show Car Cruze a 5 porte prefigura l’arrivo di una variante sportiva della berlina compatta Chevrolet. Le cinque porte e la linea da coupé rappresentano uno stile diverso da offrire alla clientela Chevrolet, mantenendo saldi gli standard qualitativi che caratterizzano le ultime creazioni del costruttore.
Le parole di Wayne Brannon, Presidente e Amministratore Delegato di Chevrolet Europe, riportano il potenziale di questa vettura: ‘Cruze si sta rivelando un vero successo. La stiamo commercializzando in 70 paesi in tutto il mondo e ha recentemente superato la Aveo in termini di vendite globali. I modelli 5 porte giocano un ruolo cruciale in molti mercati. Il segmento delle compatte in Europa vale circa 4,8 milioni di unità, più di un quarto del mercato totale, di cui il 65 % è rappresentato dalle 5 porte. Ci aspettiamo quindi un aumento in molte regioni del volume di affari, confermando quanto Chevrolet sia oggi in Europa un attore importante e autorevole’.

La versione a cinque porte riprende le linee dinamiche e slanciate della versione a quattro porte, Tuttavia aggiunge una coda sportiveggiante e rialzata. Il bagagliaio ha una capacità di 400 litri, che può essere incrementata grazie ai sedili posteriori ribaltabili nel rapporto 60:40.
Anche questo nuovo modello beneficia del nuovo sistema integrato di carrozzeria a scocca (body-frame integral system: BFI), a completamento delle componenti del telaio. I risultati del sistema BFI sono gli elevati livelli di stabilità e solidità, che garantiscono alla vettura doti dinamiche di rilievo.

Il listino di Cruze 5 porte sarà annunciato non appena la vettura sarà pronta per il lancio, previsto in Europa per la metà 2011.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 20 ottobre 2010