Lamborghini Sesto Elemento

By Novità

Dalla tavola periodica degli elementi deriva il nome dell’ultima Lamborghini. Sesto Elemento è infatti il carbonio che caratterizza la nuova vettura, e permette un peso di 999 kg, abbinato al V10 da 570 cavalli.

Osservando i dati tecnici della nuova creazione di Lamborghini cresce la voglia di mettersi al volante, per sperimentarne le notevoli sensazioni di guida. Meno di 1.000 chilogrammi, rigidità strutturale del carbonio, 570 cavalli di potenza e trazione integrale permettono una dinamica eccezionale.
Il Sesto Elemento rappresenta il futuro delle sportive Lamborghini. Grazie al nuovo centro di ricerca ACRC (Advanced Composites Research Center ) di Sant’Agata Bolognese i tecnici hanno potuto sviluppare nuove tecnologie per l’utilizzo del carbonio nelle vetture ad alte prestazioni. La vettura esposta a Parigi adotta questo materiale per la quasi totalità della vettura: struttura portante monoscocca, carrozzeria, elementi di rinforzo, bracci delle sospensioni, cerchi, albero di trasmissione, sedili e numerosi altri componenti sono appositamente realizzati per contenere il peso e sfruttarne la rigidità.
Inoltre gli ingegneri hanno privilegiato la realizzazione monoscocca cercando di creare per lo più dei pezzi interi, piuttosto che assemblati, ottenendo superiore rigidità e minore peso. Questo è avvenuto ad esempio per cofano e parafanghi, che risultano uniti in un solo elemento (denominato ‘cofango’).

Esteticamente la vettura si presenta decisamente aggressiva, con il motivo a triangolo ricorrente sia all’interno che all’esterno. La forma a cuneo evidenzia il baricentro nella zona antistante l’asse posteriore, mentre i fari accigliati descrivono lo sguardo accattivante di Lamborghini Sesto Elemento.
Le prestazioni sono assicurate dal V10 da 570 cavalli e 540 Nm di coppia, accoppiati alla trazione integrale e alle doti di rigidità della scocca. Nel dettaglio Lamborghini dichiara 300 km/h e 2,5 secondi per passare da 0 a 100 km/h.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 5 ottobre 2010