Prova nuova Suzuki Swift 1.2

By Prove

Compatta, divertente alla guida e dal design rinnovato. Suzuki Swift, in questa nuova versione, mostra anche un sensibile miglioramento degli interni.

LISTINO: da 11.690 a 16.590 euro

VERSIONE IN PROVA: Suzuki Swift 1.2 GL 94 CV, 5 porte

DESIGN
Un sapiente ritocco al design esterno, rinnova le linee di Swift mantenendo il legame con la precedente versione. Una linea sempre più condivisa dalle case automobilistiche, soprattutto se a cambiare è un modello apprezzato dal pubblico. Suzuki allunga le linee dei fari, prolungandole leggermente sulle fiancate. Osservando l’auto lateralmente si nota come le punte dei fari tendano ora a congiungersi tra loro, creando una linea immaginaria che percorre tutta la fiancata. Quest’ultima è caratterizzata dal profilo delle portiere che si innalza verso il retro vettura, togliendo spazio ai finestrini. Swift presenta così una frontale rivolto verso il basso (decisamente sportiveggiante), ed un alleggerimento delle linee nel retro. Per chi volesse impreziosire ulteriormente il design di Swift, sono disponibili come accessori: protezioni laterali, spoiler posteriore e battitacco in acciaio con logo.

INTERNI
Se nelle linee posteriori Suzuki ha rimodellato leggermente le linee, all’interno gli interventi sono stati più consistenti, e troviamo uno scenario completamente rinnovato. Un cambiamento che ha portato un innalzamento della qualità della vettura, attraverso l’utilizzo di materiali più morbidi al tatto e al ricollocamento dei comandi dell’abitacolo. Ad esempio, le bocchette di areazione, ora più solide e resistenti. L’illuminazione interna unisce il colore bianco del cruscotto, al rosso dei comandi di radio e climatizzazione. Il quadro strumenti è composto da quattro elementi circolari e da un piccolo schermo LCD al centro; le informazioni disponibili risultano sempre di immediata lettura.
Tra i vani presenti all’interno della vettura, l’unico degno di nota è quello posizionato sopra la plancia, ben rifinito, coperto e dalla discreta capacità. Una novità sulla Swift in prova è la presenza del sistema di accensione a pulsante ‘Engine Start Stop’. Per quanto riguarda l’abitabilità interna, va segnalato che i nuovi sedili anteriori risultano più avvolgenti e confortevoli. Per questo modello di Swift sono disponibili 5 posti a sedere.

BAGAGLIAIO
La compattezza di Swift, paga dazio quando si arriva al capitolo bagagliaio. Un limite comune alle vetture di queste dimensioni. Swift tenta di sopperire alle ridotte dimensioni del vano posteriore abbassando il piano di carico interno, legato ad uno sbalzo di 23 cm tra quest’ultimo e la soglia di carico. Alzato il portellone, ci si trova davanti ad un piano d’accesso al bagagliaio che misura circa 80 cm da terra. Nascosto all’interno del bagagliaio è collocato il ruotino di scorta. La capacità massima del bagagliaio misura 211 litri, che diventano 512 abbattendo i sedili posteriori (con divisione 60/40).

ALLESTIMENTI
Come su altri modelli Suzuki, anche per Swift già dall’equipaggiamento base troviamo una buona dotazione di serie. Tre i livelli di allestimento: ‘L’, ‘GL’ e ‘GL Style’. Partendo da L troviamo di serie gli alzacristalli elettrici anteriori, il climatizzatore manuale, ESP e cerchi in acciaio da 15 pollici. GL aggiunge chiusura centralizzata con telecomando integrato, display multifunzione, impianto audio con lettore cd, schienale posteriore sdoppiabile (60:40), maniglie portiere e specchi in tinta con il colore della carrozzeria. Chiude GL Style che include Style Pack con i cerchi in lega da 16 pollici, vetri Privacy, Fendinebbia e alzacristalli elettrici posteriori per la variante 5porte. La vera differenza la fa però il ‘Top Pack’, opzionale su tutte le versioni eccetto la L. Questo comprende: lo Style Pack più sistema chiave Stop-Start, climatizzatore automatico, impianto Hi-fi con Bluetooth, cruise control, volante regolabile in profondità ed accensione luci automatica.

SICUREZZA
Come per il modello precedente, Suzuki si dimostra attenta alla sicurezza dei propri clienti, offrendo di serie su tutte le versioni, svariate soluzioni di sicurezza. Troviamo dunque il doppio airbag anteriore (con il lato passeggero disinseribile), l’airbag ginocchia guidatore e gli airbag laterali anteriori a tendina. Di serie sono previsti anche ESP e TCS (controllo della trazione). I nuovi sedili anteriori presentano poggiatesta che contribuiscono ad evitare i colpi di frusta.

MOTORE
Suzuki Swift in prova monta un propulsore benzina a quattro cilindri di 1.242 centimetri cubici. Le prestazioni dichiarate indicano 94 CV di potenza massima a 6.000 giri ed una coppia di 118 Nm a 4.800 giri. Come si intuisce dalle specifiche, per sentire il carattere del motore Suzuki è necessario salire con i giri del motore. Per sentire di che pasta è fatto il propulsore di Swift è opportuno entrare nella zona giri dai 3.000 ai 6.000. Per effettuare un sorpasso con decisione, occorre ricorrere all’uso del cambio. I 42 litri del serbatoio benzina assicurano una buona autonomia, anche se la predisposizione del motore a girare alto di giri porta i consumi a salire. Con una guida particolarmente attenta, in ciclo combinato, si arriva comunque ad un consumo di 5 litri per 100 km, mentre le emissioni di CO2 sfiorano i 116 g/km.

SU STRADA
Le dimensioni compatte di Swift (3.850 mm) portano a pensare ad un utilizzo prettamente cittadino. In questo frangente le misure dell’auto aiutano sicuramente, ma Swift si comporta bene anche in ambito extraurbano. Nuova Swift risulta davvero divertente alla guida, grazie anche alla buona tenuta di strada che genera confidenza alla guida. Merito anche dello schema utilizzato: di tipo Mac Pherson e molle elicoidali anteriormente, e barre di torsione unite a molle elicoidali posteriormente. Questo schema è abbinato ai cerchi da 16 pollici in lega, ed un settaggio degli ammortizzatori tarato sul rigido. La guida sportiveggiante è accentuata dalla reattività dello sterzo e da un cambio preciso e morbido negli innesti. Il cambio di Swift risulta veramente un piacere nell’uso quotidiano, e si distingue nello scenario delle vetture di pari categoria. Il compromesso individuato dai progettisti Suzuki, permette di viaggiare comodamente in tutte le situazioni.

PRO
Qualità interni
Completezza allestimenti
Cambio

CONTRO
Accessibilità bagagliaio

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 11 ottobre 2010