Range Rover Evoque

By Novità

L’ultima nata della famiglia Land Rover spicca per l’aggressività delle linee. Definita cross coupé, Range Rover Evoque suscita l’interesse di tutti, per ora a 3 porte, in attesa della versione a 5 porte.

Dopo aver colpito per il design compatto, aggressivo e futuristico, Range Rover Evoque si distingue per offrire anche una variante con trazione 4×2, che contiene consumi ed emissioni. Con queste carte la vettura è pronta per aprire le strade a nuovi utenti del marchio, che hanno una possibilità di scelta allargata.
Lunga 4,35 metri, la cross coupé Evoque adotta una linea caratteristica marcata e fortemente inclinata, che accentua l’immagine sportiva. A questa si accompagna una finestratura lunga e bassa che risalta con i torniti passaruota e con la coda alta. Sia davanti sia dietro dominano i tratti orizzontali, che si prestano a metter in evidenza il nome del costruttore.
Gli interni mantengono l’elevato standard di esclusività tipico Range Rover, abbinato ad un posto di guida ribassato, seppure in posizione sopraelevata. I tre livelli di allestimento Pure, Prestige e Dynamic arrivano ad offrire cerchi in lega fino a 20 pollici, interni in pelle e sedute sportive oltre a numerosi particolari cromati.
Range Rover Evoque è stata attentamente studiata per conferire agilità di guida anche negli angusti spazi urbani. Nonostante questo si è ricercato il confort tipico delle vetture del costruttore, abbinato a ben due schemi di trazione 4×4 e 4×2.

Sotto il cofano trova posto il propulsore da 2.2 litri diesel, offerto in versione da 150 e 190 cavalli. Nella versione a due sole ruote motrici l’unità da 150 cavalli promette consumi di 4,87 litri per 100 chilometri, con emissioni di CO2 pari a 130 g/km. I valori nella versione a trazione integrale salgono a 5,65 l/100km, con emissioni di 145 g di CO2 per chilometro. A benzina troviamo invece un due litri da ben 240 cavalli.
Range Rover Evoque sarà disponibile a partire dall’estate 2011.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 14 ottobre 2010