Prova Kia Picanto

By Prove

Il design accattivante di Kia Picanto, nasconde l’abitabilità da categoria superiore. Dotazione di bordo e carattere del motore a tre cilindri sono una ulteriore garanzia in termini di contenuti.

LISTINO: da 9.200 euro, inclusi 7 anni di garanzia

VERSIONE IN PROVA: Kia Picanto 1.0 Style

DESIGN
Fin dall’apparizione del primo concept è apparsa evidente l’intenzione Kia di tagliare con il passato, puntando su forme decise e linee accattivanti. Così è stato, con il taglio orizzontale che caratterizza ampiamente la fiancata e rende l’idea delle forme decise e aggressive di questa nuova Picanto. Il carattere si evince anche dall’aggressivo frontale, eredità dalle ultime creazioni del costruttore coreano. Una maschera particolarmente pronunciata ospita la griglia del radiatore, e mette in risalto la carreggiata anteriore, lasciando spazio ai dinamici fendinebbia di serie sulla vettura in prova.
La vista della coda ci introduce le luci di stop dal disegno verticale e arcuato, che si integrano nello sviluppo orizzontale della vettura. La zona del paraurti è invece meno personale con un gioco di volumi decisamente razionale. Osservando la fiancata, piace la forma a cuneo sportiveggiante, che maschera bene la presenza delle comode ed utili portiere posteriori, vera novità di Picanto.

INTERNI
I 5 centimetri di lunghezza aggiuntivi rispetto al modello precedente, offrono un valido beneficio agli occupanti, che godono di elevato spazio a bordo in rapporto al segmento della vettura. Al volante di Kia Picanto si gode di spazio soprattutto in larghezza, con tanto comfort per chi siede davanti. Il posto guida è poi personalizzabile, grazie alle regolazioni di volante e sedili. La plancia è sobria e al tempo stesso funzionale, e beneficia esteticamente di un prezioso inserto grigio satinato che corre da parte a parte, sottolineando la presenza del display centrale e dei principali comandi di climatizzazione e autoradio. Questa gradevole finitura si ritrova anche nella parte inferiore del sagomato volante. Il cruscotto ospita invece il triplice indicatore analogico di giri, velocità e livello del carburante, con l’aggiunta del riquadro digitale per chilometraggio, consumi, indicatore di cambiata e altri dettagli.
Passando ai passeggeri, la compatta Kia è omologata per ben 5 persone, e due viaggiano anche particolarmente comode sul divano posteriore, la terza centrale con qualche piccolo sacrificio, tuttavia decisamente meglio che su qualche vettura concorrente. Qualità dell’allestimento e dotazione completano il quadro, grazie agli ampi appoggia gomiti, alle tasche nelle portiere, al tunnel centrale con due ampi spazi portaoggetti, agli specchietti di cortesia sia per conducente che passeggero, fino al cassettino sotto il sedile passeggero.

BAGAGLIAIO
La buona abitabilità di Kia Picanto, non va a discapito dello spazio di carico. Un vano regolare, con la soglia posizionata a 74 centimetri da terra, ma forte di una capacità di carico di 200 litri. Abbattendo gli schienali delle sedute posteriori, divisibili nel rapporto 60:40, si passa a 870 litri. Il fondo non è rifinito ad arte per via della copertura che cela il kit di riparazione pneumatico, ma sotto può ospitare anche un ruotino di scorta.

MOTORE
Il tre cilindri 1.0 di Kia Picanto è l’unità scelta per il primo periodo di commercializzazione. Omologato Euro 5, questo propulsore a fasatura variabile è stato scelto per le sue doti di potenza e attenzione ambientale. La potenza massima erogata ammonta a 69 cavalli a 6.200 giri, con il picco di coppia di 95 Nm a 3.500 giri.
L’erogazione sfrutta un cambio ben rapportato, e per ottenere il meglio della spinta occorre spingersi poco oltre il livello di coppia massima a 3.500 giri. Tuttavia nei transiti urbani la fruibilità del propulsore è apprezzabile anche in basso, dove seguendo anche i consigli dell’indicatore di cambiata si possono spuntare percorrenze di tutto rispetto. I 35 litri di capienza del serbatoio le conferiscono un’autonomia in linea con le moderne city car, e sposano consumi medi (urbano-extraurbano) nell’ordine dei 17 km/litro. Basse le emissioni di CO2, dichiarate in 99 grammi per chilometro.

SU STRADA
La nuova generazione di Kia Picanto non smentisce la vocazione dinamica anche nella guida su strada. Il lavoro degli ingegneri è andato alla ricerca di un comportamento particolarmente agile e piacevole, cercando nel contempo di migliorare le capacità di assorbimento e il comfort generale. Per questo è stato adottato un avantreno tipo McPherson con nuova geometria, mentre gli ammortizzatori sfruttano molle più flessibili del 12%, combinate con una maggiore escursione delle ruote. Anche dietro la struttura è stata irrigidita del 60% nel ponte torcente, mentre le molle sono state addolcite per ridurre il tipico sottosterzo di queste vetture, e per migliorare la precisione di guida.
Al volante tutto ciò si traduce in reazioni coordinate e sempre prevedibili, con una buona tenuta di strada. Anche forzando l’andatura, Kia Picanto non ondeggia in curva e mantiene fedele la traiettoria impostata. La risposta sullo sconnesso è dolce e privilegia il confort di bordo, agevolato anche dalla ben riuscita insonorizzazione dell’abitacolo.
Lo sterzo preciso dimostra una leggera inerzia nel ritorno alla posizione normale, ma offre buona precisione di guida. La frenata è sempre all’altezza della situazione e gestisce al meglio la contenuta massa di Kia Picanto, malgrado nella versione senza ESP siano previsti freni a tamburo posteriormente.

PRO
Design
Abitabilità
Comfort acustico

CONTRO
Regimi medio bassi
Finitura fondo bagagliaio

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 24 settembre 2014