Nuova Toyota Prius+

By Novità

Prius, un modello che ha fatto la storia della mobilità ecologica diventa la prima famiglia di veicoli full hybrid disponibile sul mercato. Al modello tradizionale si affianca ora la Prius+, il primo full hybrid sette posti già in vendita in questi giorni in tutta Europa, mentre appena dopo l’estate arriverà anche Prius Plug-in.

Le emissioni di Co2, che si attestano rispettivamente a 89 g/km, 96 g/km e soli 49 g/km, rappresentano le credenziali ambientali più importanti di questa famiglia di veicoli. E i tre modelli, insieme, permetteranno di ampliare il numero di clienti “hybrid” sparsi per il mondo dove, naturalmente, la Prius+ si rivolge alle famiglie più numerose, quelle che necessitano prevalentemente dello spazio e delle flessibilità garantiti da una sette posti. La Prius Plug-in attirerà, invece, un nuovo gruppo di automobilisti, ancora più rispettosi dell’ambiente e particolarmente attenti alle evoluzioni tecnologiche. D’altra parte Toyota ha dalla sua i numeri visto che Prius è diventata, con 2,6 milioni di unità immatricolate, il veicolo ibrido più venduto al mondo mentre la sua terza generazione, lanciata nel2009, ha già venduto, da sola, oltre 1,27 milioni di unità. Ancora i numeri, quelli che contano soprattutto in tempi di crisi: nel primo trimestre 2012 le vendite globali di questa vettura hanno superato quelle della Corolla, diventando il veicolo di maggior successo al mondo. In totale, dal 1997 a oggi, Toyota Motor Corporation ha commercializzato più di 4 milioni di veicoli full hybrid nel mondo.

Nello specifico, la Prius+ è un’automobile nuova, il cui design è stato rivisitato in ogni singolo aspetto rispetto alla “piccola” da cui deriva, almeno per il nome. E come suggerito da quel “+” ora offre un significativo incremento dello spazio, pur mantenendo dimensioni abbastanza compatte per ottimizzare la performance aerodinamica. Rispetto al modello standard, la Prius+ è più lunga di135 mm, più larga di 30 mm, più alta di 85 mm e ha un passo più esteso di 80 mm, dimensioni che hanno reso possibile la sistemazione di sette persone su tre file di sedili.

La vettura unisce il linguaggio stilistico del frontale Under Priority a una minuziosa gestione dei flussi d’aria, che gli conferiscono uno stile pulito e innovativo. Per sfruttare al massimo le potenzialità della struttura leggera in acciaio ad alta resistenza ed alluminio, e della trasmissione Hybrid Synergy Drive, il design esterno è stato progettato per ottimizzare l’efficienza aerodinamica e per garantire il massimo della stabilità e della silenziosità. Il frontale rappresenta l’ultima frontiera del linguaggio stilistico di Toyota con la sua tipica forma trapezoidale mentre le dimensioni della griglia superiore, con un inserto cromato orizzontale, sono state ridotte per ottenere la massima uniformità del flusso dell’aria sulla parte superiore della vettura. Al contrario, la griglia inferiore è stata allargata per incrementare l’efficienza del raffreddamento del motore.

Proprio per ottimizzare l’efficienza aerodinamica della Prius+, è stata prestata particolare attenzione alla convergenza del flusso dell’aria proveniente dal tetto e dalle fiancate. La vettura tende infatti a restringersi progressivamente verso la coda del veicolo, con il flusso dell’aria che viene reso più uniforme dallo spoiler sul tetto, dalla forma aerodinamica dei gruppi ottici posteriori e dalle superfici verticali ai lati del paraurti posteriore. La presenza del sistema Hybrid Synergy Drive è sottolineato dal colore blu delle decorazioni dei fari e dello stemma Toyota oltre che dal badge ‘Hybrid’ presente sul parafango anteriore. La nuova Prius+ è disponibile in sette colori esterni, tra cui l’esclusivo White Pearl. I cerchi in lega da 16″ con copriruota aerodinamico e quelli da 17″ in lega d’alluminio presentano entrambi esclusivi pneumatici con resistenza al rollio ridotta del 5% rispetto a quelli che equipaggiano la Prius.

Come è ovvio per una vettura elettrica, il cuore di tutto ruota attorno al sistema full hybrid di Prius+ che dispone di un motore termico da 1,8 litri unito ad un potente motore elettrico “spinto” da una batteria agli ioni di litio di ultimissima generazione (anche per le sue dimensioni ridotte). Questo sistema HSD utilizza la potenza congiunta del motore termico e di quello elettrico, oppure di uno solo di essi, massimizzando l’efficienza delle due unità e ottenendo il miglior bilanciamento possibile tra prestazioni e consumi che si attestano sui 4,1 litri/100 km nel ciclo misto. Secondo il costruttore su per un percorso quotidiano medio il motore elettrico è attivo per oltre il 40% della durata del viaggio. E questo dato può fare la differenza. Durante la decelerazione e la frenata, poi, il motore elettrico agisce come fosse un generatore ad alta potenza per consentire la frenata rigenerativa. L’energia cinetica, che va solitamente a dissiparsi come calore, viene recuperata come energia elettrica da immagazzinare nella batteria.

La Prius+ dispone di tre modalità di guida “on-demand”, sviluppate per incrementare le potenzialità della tecnologia full hybrid, compresa quella EV che consente una conduzione della vettura ultrasilenziosa con l’utilizzo del solo motore elettrico (ed emissioni pari a zero). La batteria agli ioni di litio di Prius+ sostituisce per la prima volta la batteria al nichel-metallo idruro dei modelli full hybrid Toyota che non dispongono della tecnologia plug-in. Sistemata nella parte centrale del veicolo, immediatamente sotto il tunnel centrale tra i due sedili anteriori, la nuova batteria risulta molto più leggera e compatta rispetto a quella della Prius. Resta da dire dei prezzi delle due versioni previste al lancio in questi giorni: 30.400 euro per la versione Active e 32.200 per la più completa Lounge.

Daniele Vaninetti

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 22 giugno 2012