Pro cee’d GT, Gran Turismo Kia

By Vetrina

Una sfida per il mercato italiano e quello europeo: Kia debutta nelle Gran Turismo. La sua nuova pro_ceeC2’d GT – commercializzata da settembre nelle prime cinquecento unità in tutta Europa, di cui 70 per l’Italia – è l’auto più sportiva che il marchio coreano abbia mai presentato ad un pubblico che ama la grinta dei propulsori spinti ma anche il comfort e lo stile di una vettura dai tratti distintivi e unici. Il nuovo, ambizioso, prodotto coreano è stato presentato nelle splendida cornice di Villa Monte Rossa, in Franciacorta, con prove su strada, tra i vigneti di questa terra nobile, e in pista, sull’autodromo della località che ha reso celebri le bollicine Made in Italy.

il Progetto GT ruota attorno all’evoluzione del quattro cilindri Kia 1,6 litri GDI (Gasoline Direct Injection, iniezione diretta di carburante) equipaggiato con un turbocompressore twin-scroll (a condotto sdoppiato) e con particolari interni specifici e irrobustiti. I valori di potenza e di coppia risultano notevolmente aumentati rispetto alla normale versione aspirata: la potenza massima cresce del 51% fino a 204 CV e la coppia è superiore del 61% fino a raggiungere i 265 Nm, ha spiegato Giuseppe Bitti, ad di Kia Motors Italia. Nel contempo, la nuova GT mantiene la trazione anteriore, dispone di un cambio manuale a 6 marce e raggiunge la velocità massima di 230 km/h, con un tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h di 7,7. Grazie alla coppia elevata, sviluppata dal motore a partire da soli 1750 giri/min, le doti di ripresa sono particolarmente interessanti: la sportiva di casa Kia è in grado di accelerare da 60 a 100 km/h in quarta marcia in 5,4 secondi, da 80 a 120 km/h in 7,3 secondi.

Disegnata in Europa sotto la responsabilità di Peter Schreyer, la linea GT si distingue all’esterno per particolari come la griglia e i gruppi ottici di disegno specifico, gli scudi paraurti più estesi, le luci diurne a quattro led C2″Ice cubesC2″, i nuovi proiettori fendinebbia, i doppi terminali di scarico e i cerchi in lega da 18 pollici con vistose pinze freno verniciate in rosso. Particolare attenzione è stata dedicata all’impostazione degli interni, a cominciare dai sedili avvolgenti Recaro, alla pedaliera in alluminio, al cruscotto di ispirazione racing con schermo TFT e ai rivestimenti curati in ogni dettaglio che creano un ambiente ricercato capace di trasmettere al pilota e ai passeggeri il gusto dell’auto prestazionale senza perdere le qualità di marcia di una vettura per l’uso quotidiano. Un binomio che la prova in Franciacorta ha confermato nella sua validità. Da segnalare che, per la prima volta in una Kia, il cruscotto permette la selezione personalizzata della strumentazione elettronica, potendo scegliere fra due visualizzazioni: una “analogica”, con il tradizionale tachimetro abbinato alle normali informazioni, e quella “GT” che reca l’indicazione numerica della velocità ed evidenzia i valori istantanei della coppia erogata dal motore e della pressione di sovralimentazione.

Prima della messa su strada, il programma di test per Kia pro cee’d GT ha comportato la percorrenza di 160.000 km sulle autostrade tedesche ad alta velocità e 480 giri del celebre tracciato di 21 km della Nordschleife al Nürburgring. Tutto questo ha portato a una messa a punto delle sospensioni capace di abbinare le alte prestazioni espresse dal nuovo motore alle migliori caratteristiche dinamiche senza perdere le doti di confort e affidabilità proprie del modello pro_cee’d da cui derivano. Gli ammortizzatori anteriori sono stati irrigiditi del 10% in compressione e del 30% in distensione, quelli posteriori del 200% in compressione e del 50% in distensione. Anche le molle sono state irrigidite sia all’avantreno che al retrotreno; la barra antirollio è stata maggiorata, con un diametro di 19 mm invece di 18, e all’avantreno sono stati adottati boccole elastiche più rigide. Tali accorgimenti hanno ridotto il sottosterzo e la tendenza al rollio, a vantaggio della maneggevolezza e della prontezza di risposta alla guida. L’ulteriore messa a punto del sistema antibloccaggio dei freni Abs e l’adozione di pneumatici Michelin più larghi (225/40 R 18) collocano la Kia pro_ceeC2’d GT al vertice della gamma anche come efficacia frenante, con uno spazio d’arresto da 100 km/h di soli 36,4 metri.

In Italia Kia pro_ceeC2’d GT sarà inizialmente commercializzata nellC2’esclusiva versione “1st Edition” (di sole 70 unità) nata per celebrarne il debutto e caratterizzata da finiture esterne e interne specifiche tra cui la speciale tinta metallizzata C2″GT WhiteC2″, i cerchi in lega da 18 pollici con i raggi verniciati in nero lucido, le carenature dei retrovisori in nero lucido, il battitacco personalizzato con il logo GT retroilluminato in rosso ed il numero di serie, le pedaliere in alluminio valorizzate da luce rossa a led ed i pregiati tappetini con doppia cucitura rossa che riprendono lo stile sportivo dei sedili Recaro. La GT esce dallo stesso impianto di produzione di Zilina, in Slovacchia, nel quale vengono realizzate, fra le altre, tutte le versioni della gamma cee’d. In comune la GT conserva le misure di lunghezza (4310 mm), larghezza (1780 mm) e passo (2650 mm) ma offre la linea del tetto più bassa (1430 mm) e il montante B arretrato. Cambiano, quindi, i pannelli della fiancata, i vetri laterali, il portellone, le luci posteriori e lo scudo paraurti.

Daniele Vaninetti

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 7 agosto 2013