100.000 Nissan Leaf vendute

By Attualità

La centomillesima auto elettrica Nissan Leaf è stata acquistata da un dentista inglese. Il primo veicolo a emissioni zero a essere prodotto su vasta scala, resta l’EV più venduto della storia con una quota di mercato del 45%.

Dal suo lancio, avvenuto nel dicembre del 2010, Nissan ha registrato un costante aumento delle vendite, segnando un record nel 2013. Il centomillesimo acquirente di una questo modello è il Dr. Brett Garner, proprietario di uno studio dentistico a Fareham, nel Regno Unito.

Padre di tre figli, Garner afferma che l’auto è pratica e comoda per tutta la famiglia. “Ho scelto Nissan Leaf perché trovo particolarmente interessanti i suoi costi di esercizio,” ha dichiarato Garner. “Le spese per manutenzione, assicurazione e ricarica hanno convinto anche mia moglie, che dopo aver guidato una Nissan Leaf presa in prestito per 500 miglia e aver constatato che i costi sono incredibilmente bassi, si è convinta e ha insistito perché avessimo anche noi una Leaf. Nissan Leaf è perfetta per gli spostamenti quotidiani e la ricarica non comporta alcun tipo di problema. C3^ ideale per la famiglia perché essendo silenziosa e priva di vibrazioni non risulta snervante nemmeno durante i viaggi più lunghi. E soprattutto, è divertente da guidare!”

Dopo aver guidato l’era dell’elettrificazione nel segmento delle autovetture con Leaf, nel corso del 2014 Nissan immetterà sul mercato un veicolo commerciale leggero completamente elettrico. Il veicolo, che sarà venduto in Europa e Giappone, metterà a disposizione delle aziende i vantaggi di una mobilità a emissioni zero, silenziosa ed economica.
A giugno 2014, Nissan parteciperà alla 24 Ore di Le Mans con Nissan Zeod RC e tenterà di stabilire il giro più veloce del circuito con un veicolo 100% elettrico a emissioni zero. Nissan conferma la propria determinazione nello sviluppare la piattaforma EV per aprire nuove frontiere nel campo dei veicoli commerciali e dell’automobilismo sportivo.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 21 gennaio 2014