La prima volta di Mini 5 porte

By Vetrina

Continua a crescere la gamma Mini, ora all’insegna della funzionalità, grazie alla presenza delle 5 porte che hanno portato ad un allungamento del passo di 72 millimetri rispetto alla nuova Mini. Quindi maggiore spazio per i passeggeri posteriori, mentre i bagagli guadagnano 67 litri in più, rendendo questa vettura quasi una Mini a misura di famiglia.

La 5 porte si presenta con un’interpretazione specifica del design esterno, che è stato sottoposto a uno sviluppo evolutivo che mantiene i capisaldi del linguaggio formale e dell’architettura tipici della marca. La linea risulta sportiva e filante, grazie alla lunghezza della scocca cresciuta di dimensioni, ma fedele allo stile di casa, come calandra del radiatore esagonale, gruppi ottici e luci posteriori con larga cornice cromata, indicatore di direzione laterale e cornice nera che avvolge la scocca senza soluzione di continuità analoghi alla nuova Mini.

Il lancio sul mercato della nuova Mini a 5 porte inizia proprio in questi giorni, con sei varianti di modello: rispettivamente tre motori a benzina e tre propulsori diesel della nuova generazione con tecnologia TwinPower Turbo; One a 5 porte con motore tre cilindri da 75 kW/102 CV, Cooper a 5 porte con motore a benzina tre cilindri da 100 kW/136 CV, Cooper S a 5 porte con motore a benzina quattro cilindri da 141 kW/192 CV, nonché One D a 5 porte con motore tre cilindri diesel (70 kW/95 CV), Cooper D a 5 porte con motore diesel tre cilindri (85 kW/116 CV) e Cooper SD a 5 porte con motore quattro cilindri diesel da 125 kW/170 CV sviluppato ex novo; in tutti i modelli, cambio manuale a sei rapporti di serie e, come optional: cambio Steptronic a sei rapporti per tutti i modelli con eccezione della One D a 5 porte e cambio Steptronic sportivo a sei rapporti per la Cooper S a 5 porte e la Cooper SD a 5 porte.

P90166820_highRes

Per una personalizzazione del piacere di guida, troviamo il nuovo optional Mini Driving Modes, con cui variare la taratura della vettura attraverso una manopola inserita alla base della leva del cambio o del selettore di marcia.

Nuovo anche il concetto di visualizzazione e di comando, grazie alla strumentazione combinata montata sul piantone dello sterzo con indicazione della velocità e del numero di giri, inoltre la strumentazione centrale presenta contenuti nuovi e rappresentazione a colori attraverso un anello a Led che fornisce un feedback ottico all’attivazione di numerose funzioni.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 24 ottobre 2014