Tutto sull’obbligo del seggiolino in auto

By Attualità

1Al crescere dei propri figli, ci si domanda fino a quando dovranno essere trasportati nell’apposito seggiolino. In realtà non c’è un limite di età, piuttosto fa testo la statura del bambino. Fino a che non raggiunge gli 1,50 metri di altezza, rimane l’obbligo del seggiolino. Al superamento di questo limite, potrà essere agganciato alla cintura di sicurezza, come per un adulto.

Va inoltre ricordato che quando il seggiolino viene posizionato sul sedile anteriore, in senso contrario a quello di marcia, l’airbag lato passeggero va disattivato. Si tratta di una precauzione fondamentale, per evitare che in caso di azionamento dell’airbag il bambino rimanga soffocato dallo stesso.

Il seggiolino potrà essere installato nel senso di marcia solo quando l’altezza del bambino supera quella del poggiatesta. I costruttori di auto da tempo hanno una apposita spia in plancia, che segnala l’attivazione o meno dell’airbag lato passeggero, proprio per evitare che una distrazione si traduca in qualcosa di ben più grave. Numerosi fatti di cronaca, sono una testimonianza di questo rischio da non sottovalutare in alcun modo.

Posteriormente, la posizione centrale è la migliore, poiché risulta essere quella più protetta in caso di urto e si trova ad adeguata distanza dagli airbag.

Fondamentale anche il collegamento del seggiolino agli appositi ganci, che hanno la definizione di Isofix in base ad una precisa norma che ne certifica le caratteristiche. Attenzione anche all’acquisto del seggiolino, che deve riportare le necessarie diciture di legge, e che si consiglia vivamente di acquistare nuovo evitando il riciclo di modelli usati, a meno di conoscerne la provenienza.

Infine, una nota relativa alle sanzioni, che prevedono multe da 70 a 285 euro e ben 5 punti di patente in caso di mancata osservanza delle regole. Multe che possono anche essere erogate, quando il bambino non ha più l’obbligo del seggiolino, ma non si è allacciato la cintura di sicurezza qualunque posto abbia in auto. Da ricordare che se il genitore è presente in auto, sarà lui ad essere multato, anche se non guida l’auto.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 20 ottobre 2014