A Montecarlo con Nuova Audi A1 e A1 Sportback

Non tutte le auto sono in sintonia con lo sfarzo di Montecarlo, dove l’apparenza di solito non inganna e l’auto diventa un vero e proprio biglietto da visita. Nulla è esagerato in questa minuscola città dalla enorme ricchezza, dove le Nuove Audi A1 ed A1 Sportback hanno percorso i primi chilometri del proprio lancio internazionale verso nuovi traguardi di gradimento da parte del pubblico.

La pioggia degli ultimi giorni non ci ha impedito di esplorare il centro ed i dintorni di Montecarlo, con strade che hanno un retaggio nobile quanto il Principato di Monaco. In città si corre il Gran Premio di Formula 1, mentre appena verso l’interno si snoda il tracciato del Rally di Montecarlo: due leggende delle competizioni a quattro ruote che hanno evidentemente ispirato anche l’universo Audi per la presentazione alla stampa di queste due novità.

23

Il 1.4 TDI a 3 cilindri da 90 cavalli

Potremmo iniziare dicendo che non si tratta di una rivoluzione per le due vetture, ma non ci sono dubbi sul fatto che il restyling abbia portato una ventata di aria fresca sia sulla carrozzeria di questa compatta premium che sotto al cofano motore. Ed è proprio sotto al cofano che occorre guardare, per scoprire una gamma motori al passo con la tecnologia d’avanguardia con cui da sempre si fregia Audi. Due novità a tre cilindri, il 1.0 benzina TFSI ed il 1.4 Diesel TDI sintetizzano l’attualità del linguaggio motoristico Audi: compattezza ed efficienza così come evidenziato dai dalle prestazioni di quest’ultimo motore: 90 cavalli di potenza, 230 Nm di coppia a soli 1.500 giri e circa 30 km con un litro di gasolio. Ma il bello è che alla guida di questo motore ti diverti anche, grazie alla sonorità molto simile ad un motore benzina (a 3 cilindri), piuttosto che ad un Diesel. Certamente questo motore è un bel punto di riferimento per tutta la categoria, ma gli altri 5 motori non sono da meno viste anche le prestazioni del 1.8 TFSI da 192 CV che di serie ha anche il cambio S tronic a 8 rapporti. Lo stesso cambio è opzionale per tutte le motorizzazioni in gamma.

In evidenza anche la motorizzazione 1.4 TFSI da 150 CV, che esibisce la tecnologia COD ovvero ‘Cilindro a richiesta’: ai carichi fino a 100 Nm di coppia e in fase di rilascio, il sistema esclude il secondo e il terzo cilindro se il numero di giri è tra 1.400 e 4.000 giri. Quando il guidatore accelera con decisione si riattivano i cilindri precedentemente esclusi.

Tra le novità anche il servosterzo elettromeccanico: morbido in manovra ed in città, diventa più diretto al progressivo aumentare della velocità. Può anche essere gestito dal sistema ‘Audi Drive Select’ in base alle proprie preferenze, così come gli ammortizzatori regolabili per una risposta ottimale, in base al proprio stile di guida ma anche alle condizioni del fondo stradale.

A bordo di A1 troviamo lo stile e la qualità Audi che conosciamo, con un assemblaggio di riferimento per la categoria. Comandi chiari, ben leggibili e la possibilità di personalizzare numerosi dettagli, come le bocchette di ventilazione che possono eesere colorate secondo il proprio gusto personale. Anche il sistema di navigazione Audi si conferma come uno dei migliori sul mercato, sia per grafica che funzionamento. Personalizzazione continua ad essere una delle parole chiave di A1, con pacchetti di equipaggiamento completi che permettono ad ognuno di esprimere la propria personalità, come ad esempio il nuovo ‘Active Kit’  e la linea ‘S line’.

bose

La collocazione dell’impianto audio Bose Surround 5.1

Tra gli accessori per l’abitacolo, in evidenza il sistema ‘Bose Surround Sound’, con 465 watt di potenza e la possibilità di riprodurre tracce audio surround 5.1. E’ completo di 14 altoparlanti, compreso il subwoofer sotto al bagagliaio, mentre un microfono analizza i disturbi acustici e gestisce la riproduzione musicale di conseguenza. Nel nostro test, questo sistema ha mostrato doti musicali di eccellenza, in line con le aspettative per tutti i prodotti a marchio Bose.

I raffinati elementi proposti da Audi A1 ed A1 Sportback non tolgono però l’essenza di un piacere di guida, che beneficia delle numerose soluzioni adottate per mantenere il costante controllo su strada. Come la gestione elettronica che anche a controllo di stabilità completamente disattivato mantiene attivo il controllo di coppia sulle ruote anteriori e  bloccaggio elettronico del differenziale, per garantire una trazione ottimale.

strada

La nostra esperienza di guida sulle strade che circondano Montecarlo, ha confermato le qualità che avevamo riscontrato sulla precedente versione di A1 ed A1 Sportback: comfort e sportività vanno di pari passo, con in evidenza una certa vocazione sportiva che emerge anche dalle piccole cilindrate votate alla massima efficienza. La compattezza esterna ed il relativo spazio interno, sono altri punti di forza di questa vettura che punta sul dinamismo a tutto tondo.

Chi non si accontenta, può accedere al livello di gioco successivo, sempre nei quattro metri lunghezza che contraddistinguono questa Audi. S1 ed S1 Sportback sono le punte di diamante della gamma, con il motore 2.0 TFSI da 231 CV ed una generosa coppia di 370 Nm che consente di coprire il classico o-100 km/h in meno di 6 secondi. Merito anche della trazione integrale quattro, che garantisce ulteriore divertimento con un assetto ancora più rigido delle altre versioni.

La prevendita della nuova gamma A1 ed A1 Sportback è già iniziata, ma occorre attendere febbraio 2015 per il lancio commerciale. Il listino rispecchia le prerogative di questa gamma premium: con 20.300 euro si entra nel mondo A1, grazie alla motorizzazine 1.4 Diesel da 90 cavalli che sicuramente troverà ampi consensi da parte del pubblico. Con altri 1.300 euro è possibile scegliere tra versione ‘Sport’ e ‘Design’, mentre per la particolare versione ‘Metal’ occorrono circa 1.800 euro in più.

Bruno Bianchi

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter