Renault Twingo Story

By Attualità

twingo-1

Quante volte guardando un’auto di oltre 20 anni fa abbiamo ripensato a come eravamo e cosa stavamo facendo allora? La Renault Twingo originale è uno di quei modelli in grado di scatenare la nostra memoria, riportandoci al passato con il ricordo di una vettura che certamente non passava inosservata.

Erano gli anni in cui la stessa Renault aveva introdotto con successo il concetto di monovolume con Espace (altra vettura di successo) che nello stesso nome diceva tutto: tanto spazio a bordo.

twingo-old

Un concetto che qualcuno avrebbe considerato inapplicabile su di una citycar, ma in Renault accettarono la sfida, ed ecco nelle risicate dimensioni di una vettura da infilare in ogni piccolo parcheggio cittadino, uno spazio per gli occupanti che sino a quel momento sembrava irraggiungibile.

Un effetto dovuto ad un paio di astuzie che la già nominata Espace aveva sapientemente introdotto. Da una parte l’avanzamento della cabina, che ora con la plancia estesa in profondità copriva buona parte del cofano motore, portando in avanti anche il parabrezza in modo da liberare spazio davanti al conducente. Dall’altra la minuscola strumentazione digitale, che posta centralmente rappresentava una fresca innovazione per una citycar.

twingo-ylw

Caratteristiche che hanno sedotto negli anni numerose clienti al femminile, che ora avevano spazio interno, compattezza esterna ed una gradita maneggevolezza in mezzo al traffico. Il tutto racchiuso in una carrozzeria dalla indiscussa personalità, abbinata alla praticità dell’ampiezza di due generose portiere tese a favorire le operazioni di carico, incluse quelle di eventuali bimbi. Non mancava lo sfizio di una capote, che anticipava la tendenze delle moderne citycar ‘a cielo aperto’, allora una anteprima che rese immediatamente trendy la piccola Twingo.

https://vimeo.com/113696661/settings/embed

Come sottolineato dalla stessa Renault, Twingo era quindi una rivoluzione. Anche visivamente, grazie all’introduzione dei vivaci colori che ancora oggi troviamo negli esemplari tuttora circolanti della prima generazione, in grado di mostrare quanto carattere sia concentrato in uno spazio compatto eppure accogliente.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 5 dicembre 2014