Con l’elettrico si risparmia fino al 60%

By Attualità

1

Una ricerca Nissan evidenzia come passando a veicoli elettrici, si possa risparmiare fino al 60% sul carburante. A fine anno, l’importo diventerebbe di oltre 3.300 euro, con evidenti benefici per il budget legato alla propria mobilità.

Le famiglie europee intervistate sull’argomento hanno indicato nella sicurezza, nei bassi costi di esercizio e nella praticità d’uso le principali priorità nella selezione dell’auto più adatta alle loro esigenze, considerando questi fattori prioritari rispetto a comfort e prestazioni.

Nissan, attraverso un gruppo di antropologi della Stripe Partners, ha intervistato, in particolare, alcune famiglie nel Regno Unito e in Norvegia (i due maggiori mercati in Europa per l’elettrica Nissan Leaf nel 2014), per definire la quotidianità di chi ha scelto una vettura elettrica in funzione delle necessità e delle dinamiche della famiglia.

Solo in Norvegia, le vendite di Nissan Leaf sono aumentate del 1200% dal 2011. Il Regno Unito ha, invece, totalizzato lo scorso anno 4051 unità vendute, superando di oltre il doppio il volume di vendita del 2013.

L’89% dei proprietari di Leaf ricarica il veicolo durante la notte presso la propria abitazione, sostenendo un costo al chilometro pari o inferiore a tre centesimi.

2

A commento della ricerca, Jean-Pierre Diernaz, Direttore della divisione Veicoli Elettrici di Nissan Europe, ha affermato:

“Abbiamo visto sempre più automobilisti scoraggiati dai costi legati all’uso delle automobili negli ultimi anni e questa tendenza continuerà, se un numero maggiore di famiglie non passerà ai veicoli elettrici”.

Nissan Leaf è il veicolo 100% elettrico più scelto al mondo, con circa 177.000 unità vendute dal 2010, anno del lancio. Ad oggi, i proprietari di Nissan LEAF hanno percorso in totale più di un miliardo di chilometri a energia esclusivamente elettrica.

Una tendenza che ci auguriamo sia destinata a crescere anche in Italia, con positivi riflessi per l’aria che respiriamo, ancora prima che per le tasche dei consumatori.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 28 maggio 2015