Tudor Fastrider ispirato allo Scrambler Ducati

By Vetrina

2
Come lo Scrambler Ducati, prende il meglio dal passato per reinterpretarlo in chiave moderna. La collezione Tudor si basa su due fondamenti: tradizione e tecnologia, esaltando la contemporaneità che esprime la pura essenza nei rispettivi due mondi.

Il legame tra Tudor e Ducati inizia nel 2011, e l’Atelier di Stile di Tudor ha affrontato la creazione del modello Fastrider ispirandosi allo spirito di creatività e libera espressione dello Scrambler. Per il nuovo orologio Tudor Fastrider sono stati disegnati tre diversi quadranti, che si ispirano a tre dei colori del nuovo Scrambler Ducati: ’62 Yellow e Rosso Ducati delle versioni Icon e Wild Green della versione Urban Enduro. Essenziali nel design, i quadranti risultano colorati e leggibili, portando alla linea Fastrider una ventata di nuova energia e versatilità.

Materiali veri e raffinati, come l’alluminio del forcellone e delle cartelle motore e l’acciaio del serbatoio a goccia e del telaio, caratterizzano lo Scrambler e si uniscono a componenti di nuova generazione, tra i quali le luci anteriore e posteriore a LED, la strumentazione LCD e la presa USB sotto la sella. Allo stesso modo Tudor unisce materiali nobili come l’acciaio alla tecnicità del caucciù.

3
Il nuovo cronografo Tudor Fastrider ha la cassa in acciaio spazzolato ed è impermeabile fino a 150 metri. Ha la lunetta in ceramica nera opaca ed i pulsanti e la corona in nero opaco. Il cronografo ospita un movimento meccanico a carica automatica con autonomia di circa 46 ore, dotato di datario con correzione rapida leggibile attraverso un’apertura a ore 4 e 30.

Il richiamo estetico allo Scrambler non si limita alla carrure di questo nuovo modello Tudor. Uno dei due cinturini disponibili con il cronografo Fastrider è un’interpretazione delle caratteristiche selle con orlatura increspata, per un indovinato effetto sportivo. L’altra versione è un cinturino di caucciù nero opaco che esalta l’immagine tecnica dell’orologio.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 18 maggio 2015