30 settembre 2015 Redazione

Nuovo Mitsubishi Outlander si guida con piacere

Dinamismo e confort a bordo: su questi due elementi poggia lo sviluppo della nuova generazione di Outlander, pronto a cavalcare la crescita del segmento crossover. Trazione integrale come da tradizione Mitsubishi, per maggiore sicurezza su strada e per garantire mobilità anche dove finisce l’asfalto.

Al Salone di Parigi dello scorso anno un concept introduceva la nuova identità visiva di Mitsubishi. Ribattezzato come ‘Dynamic Shields’ (protezione dinamica), il nuovo frontale rappresenta ora la caratterizzazione principale del rinnovato Outlander.

MAC_3658-2

L’effetto tridimensionale dovuto al nuovo design risulta efficace nel suggerire l’idea di movimento, rendendo più grintosa la parte inferiore del frontale su cui poggiano i tecnologici e sottili fari a Led.

La presenza di numerosi elementi cromati, ha invece il compito di aggiungere quella eleganza che contraddistingue buona parte dei Suv appartenenti a questa fascia di mercato.

AS3Y1343-2

La lunghezza è stata rivista di poco, e 4 cm in più rendono il cambiamento più visibile sotto il profilo estetico piuttosto che in termini di dimensioni. Una nuova linea di cerchi, appositamente sviluppata, aggiunge personalità rispetto alla precedente generazione che risultava più improntata alla sobrietà.

b

A bordo, troviamo maggiore cura nelle finiture ed un utilizzo più ricercato dei materiali, con l’amplia plancia che risulta funzionale dal primo contatto. L’esperienza di guida, è stata oggetto di un sensibile miglioramento per effetto della revisione di insonorizzazione e vibrazioni, ora degni della definizione premium a cui Outlander aspira.

a

La connotazione Suv è sottolineata dal sistema di controllo della trazione S-AWC, con cui vengono controllati freni e servosterzo per regolare la ripartizione di coppia tra ruota sinistra e destra. L’integrazione con il sistema AFD che controlla la traiettoria è perfetta, per ottenere stabilità in rettilineo e nei cambi di corsia, oltre a trazione e controllo su fondo sdrucciolevole.

AS3Y2177

Il pulsante a ridosso della leva cambio permette di scegliere tra quattro differenti modalità di funzionamento: Normal, Snow per i fondi ghiacciati e innevati, Lock per una trazione integrale tuttoterreno ed Eco per consumi ridotti grazie alla trazione solo anteriore (quella integrale interviene comunque autonomamente sui fondi sdrucciolevoli).

AS3Y2449-2

Alle doti di mobilità, si aggiunge la revisione delle motorizzazioni che vede ora un 2.0 benzina affiancato dal cambio CVT di nuova generazione, ed il 2.2 Diesel che promette 17 km di percorrenza con un litro di carburante.

c

La nostra prova su strada, sulle dolci colline toscane che circondano Siena, ha dimostrato immediatamente le qualità di comfort dichiarate da Mitsubishi ed in grado di accentuare il piacere di una guida in souplesse, assecondata dalla fluidità del cambio automatico.

Le dinamiche tuttoterreno sono risultate coerenti con le competenze di Mitsubishi nel 4×4, ma si prestano maggiormente ad un utilizzo sporadico e comunque risultano finalizzate ad una maggiore sicurezza, come ad esempio fronteggiare le insidie dell’asfalto nel periodo invernale.

Nel complesso, il passo in avanti di Outlander si percepisce distintamente alla guida, anticipando l’ulteriore vantaggio dato dalle esclusive caratteristiche della versione PHEV, già ampiamente apprezzata durante la nostra prova su strada.

Bruno Bianchi

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter
Tagged: , , ,