Prova Ssangyong Tivoli 1.6 Diesel

By Prove

DSC04784

Il suo design piace sia al pubblico maschile, sia a quello femminile, e le dimensioni esterne sono perfette per il mercato italiano. Grazie al Diesel 1.6 i consumi rimangono sotto controllo, mentre la garanzia estesa Ssangyong rappresenta un ulteriore punto di forza.

La compattezza esterna di Tivoli ed il suo sviluppo piuttosto verticale, ne amplificano la personalità da Suv che in questo momento va per la maggiore. Lo stile è talmente trasversale da piacere anche a differenti fasce di età.

Tanto più che diverse personalizzazioni estetiche, tra cui la carrozzeria bicolor, e colori di carattere come il rosso fuoco (Flaming Red) del modello in prova riescono a rendere ancora più distintivo Tivoli, a suo tempo lanciato con lo slogan ‘mostrati differente’.

DSC04762

La sagoma laterale mostra come il passaruota posteriore abbia un accenno di movimento, ma la carrozzeria laterale piuttosto piatta ha il vantaggio di rendere ulteriormente compatto Tivoli.

Solo nelle manovre in retromarcia, il rigonfiamento del passaruota posteriore limita parzialmente la visibilità laterale, malgrado il buon dimensionamento degli specchietti esterni.

DSC04777

L’accattivante sguardo delle luci diurne a Led, proposte di serie su tutti gli allestimenti, è in linea con la necessità di esprimere un volto distintivo su strada, come si conviene ai modelli di ultima generazione.

DSC04755

I cerchi da 18″ fanno parte dell’allestimento BE, e senza dubbio impreziosiscono l’insieme, mostrando nel contempo una energia che potrebbe mancare sugli allestimenti inferiori che adottano i 16″.

Tanto più che su strada conferiscono una tenuta di livello superiore, coerentemente con la cavalleria del motore. Con questa dimensione di cerchi, abbiamo mantenuto la regolazione dello sterzo (gestibile su tre posizioni) in ‘Normale’ per tutta la durata della nostra prova.

DSC04732

Internamente, risulta subito evidente lo sforzo fatto da Ssangyong nel proporre un abitacolo in linea con le aspettative di un pubblico, che oggi dispone di una vasta scelta nel comparto Suv.

DSC04800

Lo dimostra anche il look e la qualità dei sedili, subito confortevoli e ben dimensionati anche sul fronte della seduta, troppo spesso sacrificata sull’altare della compattezza a discapito del comfort.

DSC04711

Ben riuscito anche il lato passeggero, che propone una utile nicchia per l’appoggio dello smartphone, mentre altre nicchie altrettanto funzionali sono presenti nel tunnel centrale.

DSC04705

Meno funzionali nell’utilizzo, risultano invece i tasti del fin troppo efficiente sistema di climatizzazione bizona, che potrebbero portare a selezionare il pulsante sbagliato durante la guida.

DSC04702

Il completo impianto infomediale dell’allestimento BE, gode di una esaustiva connettività Bluetooth, amplificata dalla presenza di ingressi audio ausiliari (Aux + Usb) a ridosso della leva cambio.

DSC03411

La foto esprime chiaramente lo sforzo fatto da Ssangyong nel proporre un bagagliaio razionale, nonostante la presenza dei passaruota. Con 213 litri a disposizione, si tratta dello spazio che propone una citycar, con una nicchia inferiore da 96 litri che ospita il kit di emergenza oltre ad essere la zona riservata alla ciambella Gpl sulle apposite versioni.

Abbattendo gli schienali posteriori, la situazione migliora con il raggiungimento di 1115 litri complessivi, mentre dal punto di vista pratico avremmo gradito qualche gancio per le borse e punti di fissaggio per una opzionale rete ferma bagagli.

DSC04695

La sobrietà dell’accattivante strumentazione, ci introduce al capitolo motore, dove troviamo il 1.6 Diesel Common Rail da 115 CV (84,6 kW) e 300 Nm di coppia a soli 1500 giri.

Abbinato ad un cambio manuale a 6 rapporti, dalla perfettibile manovrabilità e qualche occasionale impuntamento in prima marcia, il motore mostra apprezzabile energia quando messo alla corda.

Ma è sul fronte dei consumi che questo propulsore si mostra vincente, grazie ai 20 km di percorrenza per litro nel ciclo combinato. Un buon risultato, in considerazione del profilo scarsamente aerodinamico della carrozzeria, in grado di originare qualche turbolenza di troppo sul parabrezza a velocità autostradali.

DSC04766

La compattezza esterna di Tivoli risulta vincente su strada, dandoci la possibilità di un utilizzo a tutto tondo: dal centro cittadino al lungo viaggio. Nel mezzo, un apprezzabile comportamento in extraurbano con i cerchi da 18″ che sottolineano un piglio quasi sportivo, ulteriormente supportato dalla potenza del motore quando si decide di premere sull’acceleratore.

22

La guida si conferma come uno dei punta di forza di Tivoli, ma l’assenza di rollio si paga in termini di comfort con un assetto piuttosto rigido, oggi comune denominatore per i Suv compatti 2WD.

Indubbiamente i consumi sono interessanti, e forse il maggiore concorrente in questo senso risulta essere l’omologa versione benzina 1.6 bi-fuel Gpl. Con identico listino, l’opzione Gpl propone metà della percorrenza per litro rispetto al Diesel, ma una sensibile differenza sul costo carburante.

In chiusura, a supporto della proposta Ssangyong, ricordiamo la garanzia di 5 anni che potrebbe fare la differenza nel confronto con la concorrenza europea che in questo momento va per la maggiore.

LISTINO: da 15.950 euro chiavi in mano
VERSIONE IN PROVA: 1.6 Diesel BE 2WD cambio automatico – 21.850 euro
GARANZIA: 5 anni o 100.ooo km – 3 anni di assistenza stradale
NOTA: caratteristiche e dotazione si riferiscono al modello in prova, alcuni accessori citati potrebbero quindi non far parte della dotazione standard.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 8 aprile 2016