Tecnologica sicurezza con Nuova Mercedes-Benz Classe E

By Attualità

https://vimeo.com/166365563/

Al Company Car Drive di Monza, l’evento annuale dedicato alle flotte aziendali, il modello su cui Mercedes-Benz ha puntato i riflettori era Classe E. Rinnovata nel design e con il pieno di tecnologie dedicate alla sicurezza, dimostrate dal vivo per comprenderne la portata.

Chi usa l’auto per lavoro ha la sicurezza in cima alle priorità, l’economia d’esercizio è importante, ma ogni sistema che aiuta a districarsi nel traffico congestionato di un centro cittadino, e contrastare insidie di un viaggio autostradale sono oggi in primo primo piano.

1

Ecco quindi che i sistemi elettronici in dotazione a Nuova Classe E acquisiscono un valore speciale, magari non immediatamente monetizzabile ma certamente apprezzabile, come solo la vita umana può essere.

2

Dopo averne vista la descrizione su un apposito pannello, durante la manifestazione abbiamo avuto modo di provare quanto questi sistemi siano fondamentali nell’affrontare le situazioni di emergenza, che per definizione non sei mai sufficientemente pronto ad affrontare.

Il video di apertura riporta tre distinte situazioni: le auto ferme in colonna, il pedone in mezzo alla strada e l’auto che sbuca improvvisamente. Momenti che probabilmente abbiamo già vissuto, con il tempo a disposizione per intervenire.

Quando invece non riusciamo ad intervenire, ecco i sistemi elettronici che ci supportano con un inestimabile – è il caso di dirlo – valore aggiunto.

2

Il listino di 40.900 euro per Classe E, va sicuramente letto alla luce degli elementi che la rendono diversa da ogni altro modello che non adotti gli stessi sofisticati sistemi.

A dimostrazione della sua indipendenza, tra le altre caratteristiche Nuova Classe E parcheggia comandata dal nostro smartphone. In attesa di capire cosa ci riserverà realmente la guida autonoma, la nuova era Mercedes-Benz fa il pieno di sicurezza, e questa non basta mai.

Bruno Bianchi

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 16 maggio 2016