Opel Karl ci riprova con Rocks

By Vetrina

opel-karl-rocks-303284

Non ha probabilmente avuto il gradimento che Opel si attendeva, perlomeno nel nostro Paese. Ecco quindi un nuovo vestito per la citycar Karl, che ammicca alla moda Suv con la versione Rocks, anticipata come anteprima per il Salone di Parigi.

Ha le fattezze di un Suv e condivide molte delle caratteristiche tipiche di questa categoria di veicoli come la seduta rialzata che assicura una migliore visibilità e permette di accedere più facilmente all’abitacolo e la completa offerta di connettività.

Conserva inoltre l’indubbia praticità delle cinque porte, cinque posti, dimensioni compatte e un bagagliaio dal volume massimo superiore a 1.000 litri, caratteristiche che lo rendono adatto a un’ampia fascia del pubblico urbano.

I tratti distintivi di Karl Rocks iniziano dalle barre portatutto sul tetto, i robusti paraurti anteriori e posteriori con protezioni sottoscocca (e fendinebbia anteriore), le modanature anteriori e posteriori dei passaruota e gli originali cerchi in lega bi-color da 15 pollici.

opel-karl-rocks-303286

Il carattere fuoristradistico della vettura e la sua esuberante personalità sono ulteriormente sottolineati dall’aumento di 18 mm della distanza dal suolo che assicura una migliore visibilità nel traffico urbano e consente di ammirare al meglio il panorama quando si percorrono le strade di campagna. La maggiore distanza dal suolo porta altri vantaggi: Karl Rocks può avventurarsi anche al di fuori delle strade asfaltate e affrontare fondi stradali irregolari, grazie anche a 18 mm in più di altezza.

opel-karl-rocks-303285

L’aspetto della carrozzeria è in linea con l’abitacolo della vettura, caratterizzato dal tessuto “Favo” per i sedili. Il design ricorda il nido d’ape ed è disponibile solo su Karl Rocks. All’eleganza generale della vettura contribuiscono anche le soglie battitacco e la scintillante cornice che circonda la Radio R 300 di serie o il sistema Radio R 4.0 IntelliLink a richiesta, che porta il mondo degli smartphone su KARL ROCKS grazie ad Apple CarPlay o Android Auto e permette di avere il navigatore grazie ad Apple Maps o Google Maps.

LEGGI ANCHE: Ad Amsterdam con Opel Karl

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 13 settembre 2016