Autonomia maggiorata per BMW con l’elettrica i3 94 Ah

By Attualità

bmw_i3_1

Per la i3, la citycar BMW a emissioni zero, è arrivato il momento di passare alla versione 2.0. Un’evoluzione che non cancella la 60 Ah attualmente in listino, poiché di questa mantiene tutte le caratteristiche e le prestazioni conosciute, ma che interessa la densità di accumulazione delle celle agli ioni di litio del pacco batterie. In sostanza, porta la capacità complessiva a 33 kWh senza alcuna modifica agli ingombri, ma che ha come conseguenza diretta un aumento del 50 per cento dell’autonomia.

La 94 Ah è quindi un’alternativa alla 60 che resta comunque disponibile, e promette di percorrere fino a 312 km con una carica. Si tratta, come di consueto, di valori teorici, come teorici erano i 190 km della prima serie, ma ciò significa che anche nelle condizioni di impiego peggiori, con riscaldamento o climatizzatore in funzione, sarà possibile percorrere almeno 200 km prima di dover provvedere alla ricarica.

bmw_i3_3

Le prestazioni restano quindi invariate, se si esclude l’impercettibile incremento di un decimo di secondo dell’accelerazione da 0 a 100 km/h (che passa da 7,2 a 7,3), con una velocità massima di 150 km/h. C’è anche un rovescio della medaglia, diretta conseguenza della tecnologia delle auto elettriche, per le quali ogni cambiamento determina variazioni sempre proporzionali, quindi avere la metà della capacità in più regala un’uguale misura di autonomia ma richiede anche maggiori tempi di ricarica.

bmw_i3_4

L’immagazzinamento dell’energia resta uno degli ostacoli e per un “pieno” attraverso la rete di casa si passa da sette ore e 45 minuti a nove e mezza. E il divario rimane lo stesso se si ha la possibilità di usare una ricarica rapida a corrente 50 kW 125A: dai 25 minuti della 60, ai 39 della 94.

Solo 1.200 euro separano in listino le due versioni per chi decide di acquistare una i3 nuova, ma BMW ha previsto anche la possibilità di acquistare un kit retrofit per chi ha già una 60 e decide di  aumentarne l’autonomia. In questo caso, però, il divario tra le due non è assolutamente proporzionato, visto che in Germania dove la trasformazione è già possibile, il costo è di 9.000 euro, con installazione e tasse. A breve, alle due i3 elettriche al 100 per cento andranno ad aggiungersi gli allestimenti Range Extender, dotate di un motore bicilindrico con funzioni di generatore di corrente, che saranno commercializzate a 41.150 e 42.350 euro.

bmw_i3

Su strada, il comportamento varia sensibilmente in funzione del programma di guida selezionato. La Casa tedesca ne ha previsti tre, che permettono di gestire i 170 CV in modo da privilegiare prestazioni o consumi, secondo le esigenze del momento. Il posizione Comfort si dispone liberamente di coppia e potenza, mentre la funzione EcoPro assicura un risparmio del 10 per cento dei consumi in cambio di lievi riduzioni nelle risposte all’acceleratore. La massima autonomia si ottiene comunque passando alla posizione EcoPro+, che modifica in misura importante il comportamento stradale e il comfort. La velocità è infatti contenuta in 90 km/h e il climatizzatore risulta disinserito.

Valerio Boni

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 6 ottobre 2016