Tempo di vendemmia, tempo di guide dei vini

By Attualità

Come ogni anno, a ottobre arrivano le nuove guide dei vini d’Italia, con le degustazioni delle bottiglie premiate e la presentazioni delle cantine più importanti. Sabato 8 è stato Daniele Cernilli di doctorwine.it ad aprire le danze con la terza edizione della sua “Guida essenziale dei vini d’Italia 2017”.

Come di consueto la presentazione è avvenuta nelle ampie sale dell’Hotel Principe Savoia di Milano, con afflusso di appassionati e di professionisti veramente da grande avvenimento (prima dell’aperura della sala c’era già gente in fila e la coda partiva addirittura all’esterno del lussuoso hotel meneghino).

Come nelle scorse edizioni, il sistema di valutazione è diviso su tre livelli. Uno è quello che riguarda l’azienda, con un punteggio che va da zero a tre stelle. Uno è qualitativo su ogni singolo vino, ed è espresso in centesimi. Il terzo è sul rapporto qualità/prezzo, ed è evidenziato con il simbolo del pollice alzato. L’etichetta che ottiene un punteggio superiore a 95/100, riceve il “faccino” di Cernilli. I vini presi in considerazione sono stati circa 2500 e le cantine poco meno di mille. Quest’anno la regione con più “faccini” è la Toscana (51) seguita da Piemonte (42), Veneto (20), Friuli Venezia Giulia (18), Alto Adige (14), Marche (12), Sicilia (11), Campania (10), Sardegna (7), Puglia (6), Lazio e Lombardia (5), Abruzzo, Emilia Romagna, Trentino e Umbria (4) e infine Basilicata e Calabria con un “faccino” ciascuna.

guida-essenziale-vini

Decisamente interessante la degustazione, con decine e decine di vini premiati a disposizione degli appassionati, spesso serviti dagli stessi produttori, arrivati a Milano da tutta Italia. Tra i tanti ottimi prodotti, segnalo i fantastici Brunello di Montalcino Riserva 2010, usciti proprio quest’anno (tra i migliori c’è senza dubbio il Brunello Cerretalto Ris. 2010 di Casanova di Neri, che ha ottenuto i 99/100, morbido, profumato e denso, con un futuro lunghissimo davanti a sé), i costosissimi Barbaresco Sorì Tildin e Sorì San Lorenzo di Gaja (98/100).

Di grande impatto anche alcuni bianchi, come il Furore Fiorduva di Marisa Cuomo (un Costa d’Amalfi campano a base di ripoli, fenile e ginestra, rare uve autoctone, avvolgente e salino in bocca, con sentori agrumati). Eccellente tra le bollicine, il Franciacorta Vintage Collection Dosage Zéro Noir Riserva 2007 di Ca’ del Bosco, frutto di una maturazione sui lieviti durata otto anni, potente ma di grande eleganza.

Ecco alcuni dei prossimi appuntamenti, con le guide dei vini:

  • 19 ottobre a Roma, presso il Donna Camilla Savelli Hotel in via Garibaldi 27, sarà presentata la Guida Oro I Vini di Veronelli 2017, che sarà disponibile nelle librerie di tutta Italia a partire da giovedì 20 ottobre, distribuita da RCS MediaGroup.
  • 29 ottobre a Milano l’associazione italiana sommelier presenta la terza edizione di Vitae, presso The Mall (Grattacielo Diamond Tower) Piazza Lina Bo Bardi, 1
  • sempre il 29 ottobre, ma a Roma, ci sarà la presentazione della Guida dei vini d’Italia del Gambero rosso, allo Sheraton Rome Hotel and Conference Center.

Marco Latour

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 10 ottobre 2016