A Milano il sapore della tradizione

By Attualità

Come consuetudine, l’associazione Go Wine il 26 gennaio scorso ha inaugurato l’anno con una presentazione di vini italiani prodotti con sole uve autoctone. Prendendo spunto dal libro “Autoctono si nasce…” pubblicato nel 2008 da Go Wine Editore e da altre iniziative che hanno sempre visto l’associazione privilegiare la cultura e la comunicazione a favore dei vini di territorio, l’evento ha consentito agli appassionati milanesi di conoscere etichette poco diffuse, spesso prodotte in tirature davvero limitate, che rappresentano un autentico tesoro nel panorama enologico nazionale, e non solo.

Basti pensare che l’Italia è uno dei paesi con il maggior numero di vitigni che hanno la loro origine nel territorio di produzione; un patrimonio importantissimo che solo negli ultimi anni è stato valorizzato. E il banco d’assaggio organizzato da Go Wine corre proprio in questa direzione, che è anche quella della difesa della tradizione, della diversità dal cosiddetto gusto internazionale.

Autoctono-si-nasce-Go-Wine

Nella grande sala di degustazione si sono potuti assaggiare vini provenienti da tutte le regioni italiane, ricchi di personalità e con caratteristiche organolettiche straordinarie; l’evento è stato anche l’occasione per conoscere alcuni dei produttori, ovvero coloro che ne custodiscono i segreti e ne valorizzano le peculiarità. Così, oltre a una completa selezione di Dogliani, prodotto con il vitigno Dolcetto, si sono potuti assaggiare vini prodotti con vitigni poco conosciuti come il Nuragus di Sardegna, l’Ortrugo dei colli piacentini, il Ruché e la Favorita piemontesi o il Piedirosso e l’Aglianico campani (ben rappresentati in degustazione dal Furore Riserva di Marisa Cuomo, un blend delle due uve ).

In definitiva, un’iniziativa davvero meritevole.

Ecco l’elenco completo dei vitigno e dei produttori in degustazione:
vitigni: Aglianico (Basilicata e Campania); Albarossa (Piemonte); Ancellotta (Lombardia); Barbera (Piemonte); Bombino Bianco (Puglia); Cagnulari (Sardegna); Cannonau (Sardegna); Caprettone (Campania); Catarratto (Sicilia); Corvina (Veneto); Croatina (Lombardia); Dolcetto (Piemonte); Erbaluce (Piemonte); Favorita (Piemonte); Freisa (Piemonte); Friulano (Friuli); Gamba di Pernice (gambarossa) (Piemonte); Greco (Campania); Grignolino (Piemonte); Grillo (Sicilia); Gruajo (Veneto); Lacrima di Morro (Marche); Lambrusco Salamino (Lombardia); Malvasia (Basilicata, Emilia Romagna e Friuli); Malvasia Nera (Puglia); Malvasia di Schierano (Piemonte); Marzemino (Trentino); Monica (Sardegna); Moscato di Canelli (Piemonte); Moscato Giallo (Trentino); Nebbiolo (Piemonte e Lombardia); Negroamaro (Puglia); Nero d’Avola (Sicilia); Nero di Troia (Puglia); Nuragus (Sardegna); Ortrugo (Emilia Romagna); Pedevendo (Veneto); Piedirosso (Campania) Pignoletto  (Emilia Romagna); Primitivo (Puglia);  Refosco dal Peduncolo Rosso (Friuli); Ribolla Gialla (Friuli); Ripoli-Fenile-Ginestra (Campania); Ruchè (Piemonte); Schioppettino (Friuli); Tintilia (Molise);Uva Mornasca (Lombardia); Verdeca (Puglia); Verdicchio (Marche); Uvalino (Piemonte); Verdea (Lombardia) Vespolina (Piemonte).

Produttori: Baglio Aimone – Petrosino (Tp); Benforte – Cupramontana (An);
Bottega del Vino Dogliani – Dogliani (Cn);
Bricco Maiolica –  Diano d’Alba (Cn); Bugno Martino – San Benedetto Po (Mn);
Cantina Comunale dei Vini Crota d’Caloss – Calosso (At);
Cantina del Barone – Cesinali (Av); Cantine dell’Angelo – Tufo (Av);
Cantina Mosparone – Pino d’Asti (At); Cantina Trexenta – Senorbi (Ca);
Cantine San Marzano – San Marzano di San Giuseppe (Ta);
Casa Maschito – Maschito (Pz); Casa Setaro – Trecase (Na);
Cascina Castlet – Costigliole d’Asti (At); Cascina Gentile – Capriata d’Orba (Al);
Cascina Gilli – Castelnuovo Don Bosco (At); Cascina Gnocco – Mornico Losana (Pv);
Pietro Cassina – Lessona (Bi); Castello di Grillano – Ovada (Al);
Cennerazzo – Torrioni (Av); Cipressi Claudio – San Felice del Molise (Cb);
Consorzio di Tutela e Promozione dell’Ovada Docg (Al);
Marisa Cuomo – Furore (Sa); D’Alfonso del Sordo – San Severo (Fg);
Damoli Vini – Negrar (Vr); De Tarczal – Isera (Tn); Faverzani – San Colombano al Lambro (Mi);
Feudi di Guagnano – Guagnano (Le); Gigante Adriano – Corno di Rosazzo (Ud);
Hollborn di Giovanni Brignolio – Moncalvo (At); Il Cancelliere – Montemarano (Av);
La Carlina – Grinzane Cavour (Cn); La Masera – Settimo Rottato (To);
La Tribuleira – Santo Stefano Belbo (Cn); Lama di Rose – Crispiano (Ta);
Le Piane – Boca (No); Le Strie – Teglio (So); Lucchetti – Morro d’Alba (An);
Manaresi – Zola Predosa (Bo); Mancinelli – Morro d’Alba (An);
Marengoni Silvio, Lino & Flavio – Ponte dell’Olio (Pc);
Marinig – Prepotto (Ud); Enzo Mecella – Fabriano (An);Firmino Miotti – Breganza (Vi);
Montalbera, Terra del Ruchè – Castagnole Monferrato (At);
Montariolo – Alfiano Natta (Al); Poggio Ridente – Cocconato (At);
Rebollini – Borgoratto Mormorolo (Pv); Rivetti Mario – Alba (Cn);
San Salvatore – Giungano (Sa); Scubla Roberto – Premariacco (Ud);
Francesco Spadafora – Palermo; Stanig – Prepotto (Ud);
Tamburnin – Castelnuovo Don Bosco (At); Tenuta I Gelsi – Rionero in Vulture (Pz);
Emilio Vada – Coazzolo (At);Vercesi del Castellazzo – Montù Beccaria (Pv);
Vigna Petrussa – Prepotto (Ud).

Marco Latour

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 6 febbraio 2017