Prova Alfa Romeo Giulietta 1.6 Diesel TCT: divertimento immediato

By Prove

Alfa Romeo Giulietta 16

Il motore 1.6 da 120 CV abbinato al cambio automatico TCT fa parte degli ingredienti dell’ultima generazione di Giulietta, con cui Alfa Romeo prosegue il suo percorso a cavallo tra storia e sportività, sempre con al centro il divertimento al volante.

I contenuti estetici di Giulietta, si sono affinati nel tempo, pur mantenendo fede alle origini di una sportività che rimanda direttamente alle competizioni, parte integrante della storia dell’auto e di cui Alfa Romeo è sempre stata porta bandiera.

Alfa Romeo Giulietta 11

La calandra frontale a nido d’ape fa parte dell’ultimo restyling, che ha il compito di aggiornare il volto di Giulietta, riprendendo elementi stilistici senza tempo, applicati a piene mani anche sulla sorella maggiore Giulia. La fascia paraurti integra prese d’aria e fendinebbia, sottolineando la compattezza dinamica, chiave di lettura di tutta la silhouette Alfa.

Alfa Romeo Giulietta 10

I nuovi proiettori con trattamento carbon look, mostrano la fila di luci Led dalla firma visiva inequivocabile: uno stile ulteriormente accentuato dalla forma ‘a cuneo’ della vettura, ancora una volta un rimando all’originale design Alfa Romeo.

Alfa Romeo Giulietta 14

Tra gli elementi distintivi, la finitura antracite lucida che troviamo sulle calotte degli specchi, maniglie, cornice della calandra e fendinebbia. La loro presenza non passa inosservata, e trasmette la cura dei dettagli ulteriormente sottolineata dalle maniglie posteriori integrate nel montante, e dall’originale fanaleria posteriore.

Alfa Romeo Giulietta 9

Le rosse pinze dei freni fanno parte dell’impianto frenante maggiorato Brembo a 4 pistoncini, e sono un ulteriore elemento che viene apprezzato sia esteticamente che su strada, grazie alla precisione di una frenata potente eppure modulabile.

alfa romeo giulietta plancia

La plancia si sviluppa dritta e sopraelevata, con materiali e dettagli che compongono un abitacolo dall’impostazione sportiva su cui spiccano le cuciture rosse a contrasto, la pedaliera in alluminio ed il tettuccio interamente nero.

Alfa Romeo Giulietta 1

Lo schermo centrale da 5 pollici è sensibile al tocco, e comprende tutte le informazioni di un centro infomediale dalla totale connettività con il nostro smartphone, a cui avremmo riservato un piano di  appoggio in posizione centrale.

Alfa Romeo Giulietta 5

La generosa dimensione delle manopole che regolano la (rumorosa) climatizzazione si distinguono per praticità, ma il loro design risulta poco in sintonia con l’eleganza degli interni.

Alfa Romeo Giulietta 6

Gradevoli invece i sedili, su cui spicca il logo Alfa Romeo al centro del poggiatesta. Pilota e passeggero hanno a disposizione un generoso spazio grazie alla larghezza dell’abitacolo, mentre il quinto passeggero deve fare i conti con il leggero rialzo del tunnel centrale.

Alfa Romeo Giulietta 8

Non manca la funzionalità offerta da un bagaglio con 350 i litri disponibili nella configurazione standard, ossia con il divanetto posteriore non abbattuto.

L’abbattimento degli schienali posteriori, divisi nel pratico rapporto 2/3, consente il raggiungimento di 1.045 litri che vanno gestiti considerando un piccolo ‘scalino’ dovuto alla presenza dello schienale stesso una volta reclinato. Sotto al piano di appoggio, nel modello in prova troviamo il subwoofer che compone il potente impianto audio Bose in dotazione, che conferisce fin troppa presenza alle basse frequenze.

Alfa Romeo Giulietta 2

La bella strumentazione, con qualche riflesso di troppo nella guida diurna, anticipa il capitolo motore che nel nostro caso è focalizzato sulla novità inserita nell’ampio listino di Giulietta. Il Diesel 1.6 da 120 CV (88 kW) fa parte della seconda generazione degli apprezzati Multijet, e le ridotte dimensioni del turbocompressore consentono di esprimere i 320 Nm di coppia a soli 1.750 giri, per una eccellente elasticità di marcia.

Tra le novità anche il sistema d’iniezione Common Rail, giunto alla terza generazione e capace di controllare con precisione la quantità di gasolio iniettata in camera di combustione, grazie alla servovalvola idraulica bilanciata.

Alfa Romeo Giulietta 4

Altro elemento distintivo, per quanto riguarda la trasmissione, il cambio automatico doppia frizione a 6 rapporti TCT, in grado di funzionare anche in modalità sequenziale direttamente dalla leva cambio, oppure dalle palette al volante.

Alfa Romeo Giulietta 3

Completa il capitolo motore, il sistema Alfa DNA azionabile dal selettore in plancia, con cui possiamo scegliere il comportamento dinamico di Giulietta. Il sistema interviene su coppia motore, freni (tramite il dispositivo di pre-caricamento), logica di cambiata del TCT, risposta dell’acceleratore, controllo di stabilità, controllo di trazione e sul sofisticato sistema Alfa Q2.

Quest’ultimo è un vero e proprio differenziale a slittamento limitato, che interviene sull’impianto frenante frenando la ruota interna alle curve in fase di accelerazione: Giulieta vanta quindi direzionalità e tenuta di strada da riferimento, limitando gli effetti di sottosterzo.

Alfa-dna

Tre le impostazioni disponibili: sportivo, normale, e per condizioni di bassa aderenza. Il display centrale mostra per pochi secondi i parametri relativi, al momento del passaggio da una modalità all’altra.

L’efficacia del sistema DNA, è sottolineato dal parametro di coppia, che in Normale mostra 280 Nm, ed in Sportivo 320 Nm. Accelerazione da 0 a 100 km/h in 10,2 secondi, e se siete attenti all’efficienza ed ai consumi, con il 1.6 Diesel potrete facilmente raggiungere i 17 km/litro di percorrenza, contando anche sull’efficenza del rapido sistema start&stop disponibile.

Al volante di Giulietta si è letteralmente coinvolti nella guida, grazie alla precisione della vettura ed al mix di tecnologie che dichiaratamente si rivolge ad un pubblico cui piace la guida sportiva, anche a costo di gestire un volante piuttosto pesante, che si fa sentire in manovra.

Prestazioni a parte, alla guida di Giulietta si apprezzano anche le eccellenti capacità di filtraggio delle sospensioni, che garantiscono comfort elevato su qualunque tipo di asfalto, senza per questo rinunciare ad una tenuta di strada da riferimento.

Alfa Romeo Giulietta 15
Il comfort è apprezzabile anche nei lunghi trasferimenti autostradali, che vengono affrontati in scioltezza, seppure il meglio venga offerto nei tragitti extraurbani dove la presenza del differenziale elettronico Q2 si fa sentire. E quando viene selezionata la modalità Sportiva, il divertimento sale ulteriormente di livello, tanto che il dubbio diventa se tenere sempre attiva questa modalità, oppure riservarla per i momenti in cui ti senti maggiormente ispirato.

Un dilemma che conferma come Giulietta continui a rimanere tra le vetture di riferimento nel suo segmento, supportata da qualità costruttive, finiture e tecnologia di livello. Oltre tutto, Giulietta è prodotta nello stabilimento italiano di Cassino, e diventa ancora più facile affezionarsi ad un prodotto con il tricolore.

LISTINO: da 22.600 euro chiavi in mano
VERSIONE IN PROVA: 1.6 JTDm TCT – da 27.100 euro
GARANZIA: 2 anni
NOTA: caratteristiche e dotazione si riferiscono al modello in prova, alcuni accessori citati potrebbero quindi non far parte della dotazione standard

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 20 febbraio 2017