Prova Tiguan 1.6 Diesel: Volkswagen interpreta il Suv di successo

By Prove

IMG_3198

Siamo in pieno boom Suv, e Volkswagen non poteva esimersi dal proporre una soluzione che rispecchi l’identità dello stesso costruttore. Tiguan ha diversi elementi di eccellenza, sottolineati dalle qualità con cui il motore 1.6 Diesel punta ad importanti economie di esercizio.

La richiesta di Suv è decollata, a tal punto da costringere qualche costruttore a correre ai ripari. Non è il caso di Volkswagen, che da tempo aveva a listino proprio Tiguan, cui mancava però la motorizzazione Diesel 1.6, al centro della richiesta sul mercato italiano.

Sì, perché se la carrozzeria deve essere Suv, per il resto il pubblico vuole quanto chiedeva ad una berlina: bassi costi di esercizio, limitare il carico fiscale e assicurativo, rinunciando eventualmente alla trazione integrale.

IMG_3241

Nell’osservare il design di Tiguan, non possiamo che confermare l’applicazione dello stile di casa Volkswagen, in grado di dare un tocco di eleganza superiore rispetto a diversi modelli concorrenti. Con una lunghezza complessiva di 4,48 metri, siamo in linea con lo standard della categoria, ed il costruttore ha già dichiarato che con lo stesso stile verranno presentati altri modelli, pronti a soddisfare la già citata forte richiesta di mercato.

Volkswagen Tiguan 3

I cerchi da 17″, con la loro trasparenza lasciano intravedere le generose dimensioni di disco e pinze dei freni, e se volete esagerare Tiguan accetta cerchi fino a 19″, in base ad allestimento e motorizzazione. Apprezzabile la frenata, incisiva il giusto per questa tipologia di veicolo.

Volkswagen Tiguan 9

Anche l’abitacolo veste il consueto stile di casa Volkswagen, declinato in maniera convincente e finalizzato alla versatilità che oggi viene attribuita ai Suv di ultima generazione. La parte superiore del cruscotto propone anche una pratica nicchia, rivestita di moquette così come le tasche delle portiere; un dettaglio riservato a veicoli di classe premium, che sottolinea la cura con cui Volkswagen ha sviluppato Tiguan.

Volkswagen Tiguan 7

In evidenza anche la climatizzazione automatica, diffusa su tre zone, grazie alla gestione del flusso d’aria gestita direttamente dai passeggeri posteriori che dispongono di bocchette dedicate sul tunnel centrale, ed una regolazione semplificata della regolazione temperatura.

Volkswagen Tiguan 6

Ineccepibile il centro infomediale, con un display sensibile al tocco che rimane spento quando non viene selezionata alcuna opzione: un modo semplice ma efficace per risparmiare energia, quindi carburante. Perfetto l’abbinamento con il nostro smartphone, che si riconnette via Bluetooth al sistema multimediale non appena si gira la chiave di accensione.

IMG_0634

Dallo stesso schermo riceviamo le immagini fornite dai sensori che circondano la vettura, seppure non pareggi la funzionalità della retrocamera inclusa nell’opzionale sistema Park Assist, si dimostra efficace nel supporto durante le classiche manovre di parcheggio.

Volkswagen Tiguan 10

Spiccano i confortevoli sedili anteriori, dalla apprezzabile seduta, in antitesi a diversi concorrenti che proprio su questo punto mostrano limiti che incidono sul confort complessivo: qui troviamo dei nuovi profili in schiuma, che offrono un eccellente sostegno laterale. La stessa generosità viene applicata ai sedili posteriori, la cui posizione risulta scorrevole di ben 18 cm, un bel vantaggio che amplifica l’abitabilità posteriore oppure lo spazio a disposizione per i bagagli.

Volkswagen Tiguan 1

Tanto più che due comode leve nel bagagliaio, consentono di abbattere rapidamente gli schienali degli stessi sedili. Una funzionalità che si somma alla base di appoggio del bagagliaio, posizionabile su due livelli per differenti esigenze di carico, oppure per ottenere una base omogenea.

Nel complesso, con il divano posteriore in posizione avanzata, Tiguan propone ben 615 litri di capacità, con un volume massimo di 1.655 litri grazie all’abbattimento degli schienali posteriori. Apprezzabili alcuni dettagli pratici ai fini della sicurezza, come l’inserimento del triangolo di emergenza in una apposita nicchia ricavata nel portellone, in modo da poterlo facilmente individuare ed utilizzare.

IMG_3206

Prima di affrontare il capitolo motore, ci soffermiamo sul cofano, che sintetizza l’approccio alla sicurezza complessiva di Tiguan. Si tratta di un cofano attivo, finalizzato a ridurre il pericolo di lesioni per pedoni e ciclisti: in caso di contatto, un sensore tubolare attiva un attuatore pirotecnico che alza la parte posteriore del cofano di 5 cm, in soli 22 millesimi di secondo.

Sotto a questa esemplare soluzione, troviamo il motore 1.6 Diesel Common Rail da 115 CV (85 kW), dotato di una gradevole coppia pari a 280 Nm a soli 1.700 giri. Una scelta studiata per soddisfare precise richieste del mercato, quindi interessante proprio per le sue prerogative di economia d’esercizio.

Volkswagen Tiguan 5

Economia dimostrata da un interessante riscontro sui consumi, che hanno mostrato oltre 20 km/litro di percorrenza. Un dato che va letto anche alla luce di un discreto riscontro prestazionale pari a 10,9 secondi per passare da 0 a 100 km/h, e con uno spunto che si evidenzia sopra i 2.000 giri.

Volkswagen Tiguan 4

A fianco della leva cambio, segnaliamo la sobrietà del tunnel centrale, grazie alla attivazione del freno di stazionamento con un pratico pulsante: non si attiva automaticamente, ma la sua disattivazione è automatica alla ripartenza.

Efficace e rapido il sistema start&stop, ed ancora più gradevole l’ottimo cambio manuale a 6 rapporti, che seguendo le indicazioni in plancia incita a raggiungere rapidamente le marce più alte senza mettere in difficoltà il motore. Dal computer di bordo vengono evidenziati utili suggerimenti, come ad esempio la richiesta di chiudere i finestrini a climatizzatore acceso, dimostrando il monitoraggio continuo della nostra guida.

IMG_3223

Non ci sono dubbi, sulla cura che Volkswagen ha dedicato a questo Suv, anche con questa motorizzazione che mostra di avere le giuste doti per piacere.

Ad iniziare dalla sua sonorità, sempre ovattata e mai fastidiosa, così come le ridotte vibrazioni che ci fanno scordare di avere un Diesel sotto al cofano motore. Il poter contare su consumi interessanti, non penalizza più di tanto l’aspetto prestazionale, decisamente ben rappresentato dall’ampio listino di Tiguan.

Tanto più che alla guida l’assetto di questo Suv risulta particolarmente neutro, da mostrare qualche cedimento solo nella guida più dinamica, quando si avverte l’assenza della trazione integrale sul retrotreno. Ma volendo, a listino troviamo la tecnologia 4Motion abbinabile ai motori 2.0 benzina o Diesel.

Gli elementi che convincono dai primi chilometri al volante di Tiguan, rimangono comunque la facilità e piacevolezza con cui vengono affrontate le differenti condizioni di utilizzo: elementi che ritroviamo alla fine della nostra su strada, dopo avere percorso oltre 1.000 km.

LISTINO: da 27.850 euro chiavi in mano
VERSIONE IN PROVA: 1.6 SCR Business BMT – 30.100 euro
GARANZIA: 2 anni o 100.000 km
NOTA: caratteristiche e dotazione si riferiscono al modello in prova, alcuni accessori citati potrebbero quindi non far parte della dotazione standard

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 20 aprile 2017