Audax 300Miglia: alla scoperta della Sicilia in smart

By Prove

audax 5

Può una vettura ultra compatta garantire il comfort che serve, macinando parecchi chilometri in breve tempo? Per scoprirlo abbiamo attraversato la Sicilia con smart cabrio, tra paesaggi che hanno fatto da cornice alla citycar per eccellenza, finalmente sottratta al suo contesto cittadino.

Il percorso della Audax 300Miglia smart vuole ispirarsi alla Targa Florio, la storica competizione italiana che ha ricoperto un ruolo importante nella storia delle quattro ruote nel nostro Paese. L’interpretazione smart vuole 480 chilometri con un itinerario che da Palermo ci porta a Messina, poi Zafferna Etnea ed infine Catania.

audax 2

I 480 chilometri, ovvero 300 miglia, hanno anche l’obiettivo di dimostrare come una citycar come smart possa regalare il confort di una vettura venduta sotto lo stesso tetto di showroom, che ospitano le blasonate Mercedes-Benz.

E proprio alla distribuzione siciliana degli stessi marchi, viene dedicato un ruolo importante in questa iniziativa, con partenza, tappa intermedia ed arrivo in tre distinte concessionarie del gruppo tedesco.

audax 10

Il bel tempo si presta al modello smart scelto per questa iniziativa, la cabrio con motore turbo da 90 CV, che con il suo cambio automatico a doppia frizione gestibile in modalità sequenziale, promette di assecondare le differenti situazioni di una guida turistica e dinamica nel contempo.

audax 11

Tanto più che il tettuccio apribile elettricamente, in soli 12 secondi, consente due distinte posizioni che scoprono la vettura completamente, oppure solo sul tettuccio. Una ulteriore soluzione, è offerta dalla possibilità di rimuovere i montanti superiori, per una guida totalmente a cielo aperto.

audax 13

In questo caso, un apposito alloggiamento si occupa di ospitare gli stessi montanti, con un piccolo sacrificio nello spazio a disposizione dei bagagli, che abitualmente riesce ad ospitare tranquillamente due trolley ‘formato cabina’. Unico contrappunto, la presenza del motore sotto al piano di carico, che dopo ore su strada trasmette parte del calore allo stesso bagaglio.

audax 4

Il primo tratto del nostro veloce trasferimento, ci porta ad un lungo percorso autostradale dove smart si muove con disinvoltura, infilandosi nelle lunghe e continue gallerie che si susseguono nel tratto tra Palermo e Messina.

La qualità dell’asfalto, come da tradizione italica, non è delle migliori offrendo qualche saltellamento di troppo. Ma smart accusa i colpi, e nonostante l’assetto rigido non accenna a segni di fatica.

audax 3

Nel tratto in avvicinamento a Messina, lo splendore del mare in una giornata particolarmente limpida, regala paesaggi che ci ricordano quanto sia bello il territorio di un’isola che turisticamente meriterebbe di più.

audax 6

Sosta a Messina, giusto il tempo di affrontare il caos cittadino dove smart continua a mostrare le sue doti migliori, grazie alla nota compattezza ed un diametro di volta che in un paio di occasioni si rivela provvidenziale, consentendo repentine inversioni ad U.

santa-tecla

La giornata si chiude in bellezza, con l’ospitalità dell’Hotel Santa Tecla di Acireale, dove non possiamo che apprezzare l’invidiabile posizione affacciata sul mare. Le ampie terrazze dell’hotel sono un invito ad approfittare del sole che ha accompagnato l’intera giornata.

audax 12

Il successivo trasferimento ci riserva un paesaggio decisamente verdeggiante, che lascia presagire la vicinanza con l’Etna ed un microclima che ha evidentemente favorito una vegetazione che non ti aspetteresti di trovare, ovviamente prima di salire verso le pendici del vulcano.

audax 1

La sosta a Zafferana Etnea, ci consente di apprezzarne la bellezza e il carattere che ammicca al cuore della Sicilia più autentica. Una personalità riconosciuta dalla moltitudine di turisti che da tutta Europa scelgono questa destinazione, per la prossimità al vulcano.

audax 14

Nelle vetrine dei negozi di questo suggestivo comune, spiccano i dolci in marzapane, gustosi e calorici come solo da queste parti sanno essere. Un sorso della locale granita e la brioche con cui va accompagnata, ci saziano abbondantemente fino al successivo pasto.

audax 7

Un pasto da cui ci separa la salita all’Etna, con la suggestione di una natura che deve convivere con le sue improvvise bizze. La strada è appena stata asfaltata per il Giro d’Italia, e diventa quindi un doppio piacere affrontare la salita al punto panoramico, dove ci attende una frotta di pullman con turisti di differenti nazionalità.

_DSC7539

L’arrivo a Catania, nuovamente nella concessionaria ufficiale smart/Mercedes-Benz, segna il termine del nostro viaggio, in una terra che ha mostrato di essere a misura di una citycar versatile come smart. Il suo confort ci ha accompagnato fino a qui, dimostrando come la compattezza estrema si possa trasformare in un vantaggio nelle strette stradine di un’isola, che potrebbe ambire ad orizzonti turistici ben più ampi di quelli che le sono riservati.

Bruno Bianchi

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 12 maggio 2017