Milano-Stoccarda con Mercedes-Benz Classe E

By Prove

tribute ponton 6

In Mercedes-Benz sono convinti che il modo migliore per trattare le proprie vetture sia farci tanti chilometri. Non è un concetto sbagliato, tanto che con la sigla Audax è stato organizzata una trasferta Milano-Stoccarda e ritorno a bordo di Classe E 220d Berlina.

I 500 chilometri che separano Milano e Stoccarda, sono un ottimo terreno di prova, viste le qualità da grande viaggiatrice che da sempre contraddistinguono Classe E, proposta in una edizione speciale ‘Tribute Ponton 1956’, giusto per commemorare la storica presenza di Mercedes-Benz alla 1000 Miglia che torna dal 18 al 21 maggio.

tribute ponton 2

L’adesivo sulle fiancate ci fa sentire quasi parte della carovana che partirà da Brescia, e di certo coprire oltre 1.000 chilometri in due giorni rappresenta un bel banco di prova.

tribute ponton 5

In Mercedes-Benz hanno fatto le cose in grande, così anche sul tunnel centrale della vettura troviamo una etichetta commemorativa: nel 1956 ‘Ponton’ del team Erwin Bauer/Erwin Grupp vinse la categoria della 220.

tribute ponton 1

Con una vettura decisamente più moderna e tecnologica, il nostro viaggio attraversa l’intera Svizzera, per poi approdare sulle veloci autostrade tedesche.  L’imponente plancia di Classe E dispone di due monitor, sul primo troviamo la strumentazione digitale, sul secondo il completo centro infomediale.

Approfittando del tanto tempo a disposizione per il viaggio, iniziamo con il testare l’efficacia della connessione al nostro smartphone, scoprendo che Apple Car Play da iPhone 6 si connette immediatamente.

Più complessa la situazione sul fronte Android Auto, dove Samsung S7 Edge ha fatto clamorosamente cilecca dopo numerosi tentativi. Una conferma che ognuno interpreterà a modo suo, ma che impone almeno una riflessione sui rispettivi standard.

Il nostro viaggio prevede due tappe, prima dell’arrivo a Stoccarda, e certamente la Svizzera propone un paesaggio all’altezza legato purtroppo all’attenzione richiesta con i limiti di velocità variabili.

tribute ponton 3

In particolare nei lunghi tunnel, come il Gottardo, apprezziamo l’aiuto del controllo di crociera adattivo. Una caratteristica enfatizzata dalla guida semi-automatica: in questo caso è l’elettronica a prendere il controllo della vettura e lasciamo il volante per qualche minuto, giusto il tempo per rilevare una lettura errata della segnaletica stradale, che ci costringe a riprendere rapidamente ‘il timone’.

tribute ponton 4

Discorso completamente diverso sulle Autobahn tedesche, dove nei tratti senza limite di velocità assaporiamo il confort della vettura e la qualità di un fondo stradale che oltre frontiera si mostra decisamente superiore. E curiosamente, in Germania non esistono pedaggi autostradali…

tribute ponton 3

Ne approfittiamo per sperimentare le numerose configurazioni di cui Classe E è dotata, dall’aspetto estetico dell’abitacolo con la scelta del colore ambiente, alla scelta di uno stile di guida che può essere impostato sulle preferenze del singolo conducente.

tribute ponton 2

All’arrivo in Stoccarda, ci attende il Classic Center di Mercedes-Benz, tempio mondiale del restauro di vetture storiche della Stella, della cui visita riferiamo separatamente vista la ricchezza di contenuti.

Il giorno successivo, è la volta del Museo Mercedes-Benz, che si conferma nuovamente come una tappa obbligata per tutti gli amanti delle quattro ruote.

DSC04512

Ogni visita è l’occasione per aggiungere un pezzo alla lunga storia di Mercedes-Benz, legata in maniera inequivocabile alla città di Stoccarda. Radici, che vedono nel territorio circorstante una presenza importante di tutto l’indotto automotive.

DSC04501

Una testimonianza evocata anche dalle vetrate del Museo, che si affacciano proprio su una delle principali fabbriche della Stella, dove oltre 25.000 persone lavorano in una dimensione che rispetta il territorio, grazie anche alle verdi colline che circondano l’intera città.

tribute ponton 7

Salutiamo il Museo, e ci mettiamo nuovamente alla guida di Classe E 220d, per il percorso inverso che ci consente di ricavare ulteriori elementi da questa lunga trasferta.

In particolare, al termine del nostro viaggio possiamo testimoniare le qualità di un confort che non ci ha mai abbandonato, esaltato da un abitacolo accogliente anche dopo parecchie ore di permanenza a bordo.

tribute ponton 1

Classe E è una berlina di generose dimensioni, con il motore da 220 cavalli abbinato alle qualità di un cambio automatico a suo agio con differenti stili di guida. Ma al termine del nostro viaggio è riuscita a sorprenderci, quando consultando il computer di bordo abbiamo scoperto una media di circa 20 chilometri per litro di gasolio.

Un risultato inaspettato, frutto di un mix che ha visto medie decisamente controllate in Svizzera, andature ben più veloci in Germania, code in dogana e l’intenso traffico di Stoccarda e Milano. Che sia questa, la migliore rappresentazione della lunga tradizione Mercedes-Benz?

Bruno Bianchi

LEGGI ANCHE:
Visita al Museo Mercedes-Benz
Visita al Classic Center Mercedes-Benz

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 30 maggio 2017