Prova Volkswagen up! 75 CV: piccola per scelta

By Prove

volkswagen up! 8

I tanti contenuti positivi di up! emergono guidando questa citycar come se fosse una berlina, di cui vuole richiamare lo spazio interno. Tanto più che questa Volkswagen offre un interessante confort, abbinato a consumi di carburante talmente bassi da rendere piacevole qualunque tipo di viaggio.

Con una lunghezza di 3,6 metri, up! rientra di diritto nella categoria citycar, ma la sobrietà del design esterno trova un importante riscontro nella abitabilità che ha pochi eguali nella categoria. In Volkswagen hanno voluto una vettura che abbini il vantaggio della compattezza esterna, ad una vita di bordo in linea con vetture di segmenti superiori.

volkswagen up! 6

Nel considerare lo stile, non possiamo che apprezzare anche le possibilità di personalizzazione disponibili per up!, ben rappresentati dallo ‘Style Pack’: cerchi in lega da 15′ con pneumatici 185/55 R15, tetto e specchietti retrovisori esterni in colore a contrasto, volante, freno a mano e pomello del cambio in pelle, cristalli laterali posteriori e lunotto oscurati.

volkswagen up! 5

La vista dall’alto rende ancora più chiara l’idea di come si possa trasformare la carrozzeria di up!, con un riuscito abbinamento con il colore della vettura in prova. Tanto più, che il portellone posteriore totalmente in vetro stratificato conferisce una indiscutibile eleganza, inusuale per la categoria.

volkswagen up! 7

Sui cerchi da 15″ apprezziamo il logo Volkswagen, in stile quasi vintage. I dischi dell’impianto frenante, che si intravedono in trasparenza, sono però presenti solo anteriormente come si usa su praticamente tutte le citycar.

volkswagen up! 14

Sul parabrezza, troviamo invece la tipica composizione di sensori e telecamere che rappresentano una aggiornata dotazione di sicurezza, ad iniziare dal sistema automatico di frenata d’emergenza.

volkswagen up! 13

I confortevoli sedili, realizzati con materiale di qualità superiore rispetto allo standard della categoria, ci accolgono in un abitacolo dove conducente e passeggero, una volta tanto, non devono sgomitare. Omologazione per 4 persone, e finestrini posteriori con apertura a compasso, ma in compenso le portiere posteriori sono veramente comode nell’offrire l’accesso alla vettura.

DSC07877

Anche la plancia evidenzia una certa cura nella scelta dei materiali con un assemblaggio curato, ed un cruscotto che si allunga sin sopra al motore sfruttando la tecnica della ‘cabina in avanti’ per aggiungere spazio a bordo.

volkswagen up! 12

Volkswagen offre differenti soluzioni di personalizzazione della plancia, attraverso la striscia che la attraversa longitudinalmente. Nel scegliere il colore della carrozzeria, ricordatevi la cornice delle portiere in metallo di analogo colore: se scegliete il rosso, avrete anche la cornice interna delle portiere di questa tinta.

volkswagen up! 11

Un pratico sistema di aggancio centrale, ha il compito di sorreggere il nostro smartphone, che dispone di una presa Usb proprio a ridosso. Peccato lo smartphone non possa essere rivolto verso il conducente, per guadagnare praticità e ridurre i riflessi nella guida diurna.

volkswagen up! 10

Perfetta l’integrazione di smartphone ed impianto multimediale, grazie al Composition Phone che esalta la connettività di bordo. Scaricando l’app specifica maps+more, il dispositivo diventa un navigatore con mappe offline, oltre a visualizzare informazioni sulle funzioni principali dell’auto riconoscendo anche la scrittura: è sufficiente disegnare le lettere con un dito sul display per cercare contatti o destinazioni.

In evidenza anche la climatizzazione, che da questa ultima generazione di up! può anche essere automatica; la configurazione della lunga bocchetta che attraversa la parte superiore della plancia, offre nuovamente un riscontro superiore rispetto alla tradizionale dotazione della categoria.

volkswagen up! 1

Con 251 litri a disposizione per i bagagli, siamo in linea con la concorrenza, ma la disponibilità di un opzionale ripiano, ci consente il posizionamento della base su due livelli.

volkswagen up! 2

Alzando lo stesso ripiano, ed abbattendo gli schienali dei sedili posteriori (anche in maniera indipendente), otteniamo un pratico piano di appoggio omogeneo, per uno spazio che ora può raggiungere i 959 litri, a tutto vantaggio della versatilità.

volkswagen up! 9

Nella gamma motori di up! il 1.0 tre cilindri da 75 CV (55 kW), occupa la posizione centrale in termini di offerta. Con una coppia di 95 Nm a 3.000 giri, accelerazione 0-100 km/h in 13,5 secondi, questa citycar brilla per economia d’esercizio.

Seguendo le istruzioni sul cambio marcia, che risulta particolarmente piacevole grazie alla manovrabilità del cambio manuale a 5 rapporti, e sfruttando la presenza del cruise control, diventa facile superare i 25 km/litro di percorrenza. Nel nostro caso abbiamo anche sfiorato i 28 km/litro, segnando una sorta di record tra le oltre 400 vetture provate ad oggi.

volkswagen up! 4

Inoltre, mentre altre citycar si trovano a disagio non appena si esce dai confini della città, up! mostra di muoversi agilmente su qualunque tipo di percorso, compreso quello autostradale dove sfoggia una stabilità da riferimento per la categoria.

Il segreto sta in un contatto con l’asfalto quasi da berlina, in grado di conferire un comportamento stradale in perfetta sintonia con le capacità prestazionali del motore, solo la zona posteriore della vettura risulta meno insonorizzata ad andature autostradali.

Certamente il listino di up! è posizionato verso l’alto, ma alla luce dei nostri riscontri, della qualità costruttiva e della dotazione, la vettura riesce a dimostrare il proprio valore, e non solo per il pubblico femminile a cui Volkswagen sembra voler dedicare a tutti i costi questo riuscito modello.

LISTINO: da 11.000 euro chiavi in mano
VERSIONE IN PROVA: 1.0 high up! 75 CV – 13.700 euro
GARANZIA: 2 anni o 100.000 km
NOTA: caratteristiche e dotazione si riferiscono al modello in prova, alcuni accessori citati potrebbero quindi non far parte della dotazione standard

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 4 maggio 2017