Salone di Francoforte 2017: Suzuki

By Saloni

Suzuki Swift Sport

Swift ha tre anime: ibrida, sportiva e prossimamente 4×4. Una Suzuki per tutte le stagioni, che punta sia al pubblico maschile sia a quello femminile. Con Swift Sport, la novità di Francoforte, il divertimento è assicurato, grazie ad un rapporto peso/potenza che ha ben pochi rivali sul mercato.

Swift Sport arriva il prossimo aprile 2018, con due nuovi colori dedicati: il giallo della foto ed un vistoso blu. Per il resto punta sulla qualità di un prodotto rigorosamente ‘Made in Japan’, fatto per divertire con un guida facile, che non richiede doti da pilota professionista.

Massimo Nalli

Massimo Nalli

Massimo Nalli, Direttore Generale di Suzuki Auto, non ha dubbi sulle qualità di un modello che generazione dopo generazione continua a mantenere fede al progetto iniziale.

Per divertire, Swift Sport punta quindi sul rapporto peso potenza, una dimensione che Suzuki ben conosce visto l’impegno nelle due ruote, una massa da poco meno di una tonnellata viene mossa dal motore benzina 1.4 con 140 CV e 230 Nm di coppia.

DSC09171

Il doppio scarico, i cerchi da 17″ sono ulteriori dettagli esterni che affiancano la calandra a nido d’ape, un linguaggio stilistico che gli appassionati conoscono bene, assecondato da un abitacolo dove i sedili sportivi fanno la differenza.

Le precedenti versioni di Swift Sport non hanno mai deluso su strada, regalando un appagante divertimento. Baricentro basso ed assetto rigido sono l’ideale completamento, a cui Suzuki aggiunge sistemi di ultima generazione per l’assistenza alla guida.

“L’unione di telecamera, sensore laser e radar garantisce che Swift Sport non manchi di nulla, garantendo una sostanza che regge parecchi confronti – sottolinea Massimo Nalli – il progetto Swift piace al pubblico femminile e Sport è una dimensione che sarà gradita a quello maschile.”

Una evoluzione che segue a ruota i primi passi di Suzuki in tema di trazione ibrida, con ben 3 modelli attualmente in gamma, già apprezzati dai clienti italiani, come dimostrano i primi dati di vendita.

Bruno Bianchi

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 11 ottobre 2017