Free2Move porta PSA nel noleggio a lungo termine

By Attualità

Liberi di muoversi: è la traduzione letterale della sigla con cui PSA ha voluto battezzare il nuovo servizio di noleggio a lungo termine. Dedicato sia ai professionisti, sia ai privati che ora possono contare su una formula diversa dalla tradizionale proprietà della vettura.

Ammettiamolo, in pochi oramai cascano nel ritornello dello slogan pubblicitario che recita ‘tua da pochi euro al mese’, salvo poi scoprire dal concessionario l’esistenza di un congruo acconto iniziale e di una maxi rata finale.

Perché fino a poco tempo fa, l’obiettivo era esclusivamente la vendita pura della vettura, con un rito che ne prevedeva poi la permuta nel momento in cui si decideva per l’acquisto della successiva. Dobbiamo inoltre considerare, che oggi il listino di una tipica berlina o suv arriva facilmente a cifre decisamente importanti, che spesso ne ritardano l’acquisto.

In questo contesto, si inserisce una tendenza proveniente dal mondo anglosassone (dove da sempre si affitta il televisore con un canone mensile), in rapida diffusione anche nel nostro Belpaese su parecchie tipologie di acquisto.

Non poteva mancare quindi, la mossa di un gruppo industriale come PSA, oggi forte di marchi importanti che dalle origini tutte francesi (Peugeot, Citroen e DS) si allargano ad Opel/Vauxhall.

Con ‘Free2Move’ il gruppo PSA affianca quindi, alle tradizionali opzioni disponibili per l’acquisto e la proprietà della vettura, una formula di noleggio a lungo termine che sulla base di un canone mensile include l’erogazione di tutti servizi amministrativi (come l’assicurazione) e la manutenzione del veicolo.

Andrea Valente, Massimo Roserba e Carlo Leoni

Tutto avviene con naturalezza, poiché l’interlocutore rimane il tradizionale concessionario ufficiale, cui il cliente da sempre si rivolge in maniera naturale e spontanea. Certamente il canone mensile andrà valutato, alla luce di un tutto compreso, finalmente trasparente come dovrebbe essere il già citato slogan pubblicitario.

Tra le novità del servizio PSA, il ‘Fleet Sharing’ dedicato ai professionisti, un servizio di car-sharing destinato a semplificare la condivisione dei veicoli per un abbattimento delle spese di viaggio. Una formula che sfrutta l’esperienza acquisita con la gestione delle tradizionali flotte aziendali, ora gestite dal servizio ‘Connect fleet’ attraverso una gestione connessa delle flotte finalizzata a ridurre il costo totale di possesso.

Il tutto rispondendo ad un mercato in evidente trasformazione, che ruota comunque, da sempre, sulla regola che vuole sempre il cliente al centro di tutto. Ambiziosamente, PSA dichiara oggi di voler diventare il fornitore di servizi per la mobilità preferito entro il 2030. Un impegno che rispecchia l’energia spesa per ampliare il proprio valore sul mercato, come dimostrato dalla recente acquisizione del marchio Opel/Vauxhall.

Bruno Bianchi

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 11 ottobre 2017