James Bond espone le sue auto a Wolfsburg

By Attualità, Classic

Se siete tra i molti appassionati che non si sono persi una puntata dei film di James Bond, lo 007 al servizio di Sua Maestà più famoso al mondo, allora potete prendere un considerazione un week end nella tedesca Wolfsburg.

Questa è la città di Volkswagen, una intera regione più che una città, la cui economia ruota pesantemente intorno alla produzione delle vetture del mega gruppo tedesco. A Wolfsburg si trova anche uno dei Musei dell’auto più popolari, inserito nel verde contesto di un parco che smorza i toni delle ciminiere che dominano un territorio la cui traduzione suona come ‘terra dei lupi’.

La mostra è iniziata lo scorso 10 ottobre, e si protrae fino al 4 marzo 2018, quindi avete sufficientemente tempo per programmare il vostro viaggio verso l’estremo nord della Germania.

Tra le vetture esposte, un ruolo di primo piano spetta sicuramente alla Aston Martin DB5 vera compagna di 007, nelle differenti interpretazioni che si sono alternate nel corso degli anni: Goldfinger, Thunderball, Golden Eye, Il domani non muore mai, Casino Royale, Skyfall e Spectre.

Spazio anche alle francesi, come la Citroen GS che Bond interpretato da Roger Moore, guidava attraverso le montagne in ‘Solo per i tuoi occhi’ datato 1981.

Era invece una Audi 200 quattro, a movimentare ‘Zona Pericolo’ in cui Timothy Dalton nel 1987 vestiva i panni di 007.

In ‘La spia che mi amava’ del 1977, a farla da padrone era una Lotus Esprit disegnata dalla sapiente mano di Giorgetto Giugiaro. Ovvero un tocco di italianità, in un prodotto rigorosamente inglese.

Ma la palma della vettura con più anni sulle spalle, spetta alla Sunbeam Alpine SII, con cui Sean Connery nel 1962 recitava in ‘Dr No’.

Nell’esposizione, oltre alle vetture sono presenti costumi di scena originali ed alcuni degli improbabili ‘gadget’ con cui  James Bond risolveva le situazioni più estreme della interminabile saga.

Stiftung AutoMuseum Volkswagen
Dieselstraße 35
38446 Wolfsburg
Germania

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 2 novembre 2017