Bollino vignetta autostrada Austria 2018

By Guide

Se la vostra destinazione è l’Austria, ricordate l’obbligo del bollino autostradale per tutti gli utenti delle autostrade e superstrade austriache. Per ogni veicolo si deve acquistare un adesivo Vignette da applicare sul parabrezza, oppure da questo 2018 la versione digitale che risulta ancora più pratica.

Il bollino o Vignette ha costi diversi in funzione della durata, 10 giorni/2 mesi/1 anno, e del mezzo di trasporto per il quale è acquistato, veicoli a due ruote e autovetture e automezzi fino a 3,5 tonnellate. Di seguito le durate disponibili:

Annuale (dal 1 dicembre dell’anno precedente al 31 gennaio dell’anno successivo)

  • Automezzi (con peso massimo fino a 3,5 t) € 87,30
  • Veicoli a due ruote (anche con sidecar) € 34,40

Bimestrale (due mesi dal giorno della foratura)

  • Automezzi (con peso massimo fino a 3,5 t) € 26,20
  • Veicoli a due ruote (anche con sidecar) € 13,00

10 giorni (dalle ore 00:00 del giorno della foratura alle ore 24:00 del nono giorno successivo)

  • Automezzi (con peso massimo fino a 3,5 t) € 9,00
  • Veicoli a due ruote (anche con sidecar) € 5,10

La foratura della vignetta bimestrale e da 10 giorni è fondamentale, affinché venga considerata valida dalla polizia austriaca. Per bus, autotreni e camper oltre le 3,5 tonnellate e mezzo a pieno carico è entrato in vigore dal 1° gennaio 2004 un nuovo sistema di pedaggio al posto della conosciuta vignetta. Il sistema si chiama GO-Box e funziona in modo analogo al nostro Telepass.

DOVE SI ACQUISTA
In Austria, il bollino può anche essere acquistato nelle stazioni di rifornimento sulle autostrade in prossimità della frontiera con l’Austria, il confine autostradale Brennero, gli uffici dell’Automobil Club Austriaco (ÖAMTC, ARBÖ), i caselli autostradali A9, A10, A11, A13, S 16, uffici postali, le stazioni di servizio (anche in città) e le tabaccherie. Se volete acquistare la vignetta in Italia, il contrassegno è anche disponibile presso una selezione degli Automobile Club Provinciali.

COME SI USA
Il contrassegno è un bollino autoadesivo che deve essere convalidato dal punto vendita (la foratura è d’obbligo solo per la validità bimestrale e settimanale). Deve essere incollato, ben visibile, sul parabrezza del veicolo in modo da essere facilmente controllabile dall’esterno, prima di imboccare un tratto autostradale per il quale è obbligatorio. La parte inferiore del contrassegno (talloncino) non deve essere incollata, ma conservata con cura. La sola esposizione del contrassegno, ovvero in caso di bollino non incollato, comporta, in caso di controllo, una sanzione pecuniaria, come se il contrassegno non fosse stato acquistato.

Per i veicoli a due ruote il bollino deve essere applicato in modo visibile su una parte stabile e non sostituibile del mezzo. Nel caso di veicoli che per loro tipologia non prevedono un parabrezza (moto speciali, veicoli d’epoca, ecc.) è sufficiente disporre del bollino per poterlo esibire, in caso di richiesta. Se si viaggia con un veicolo che traina una roulotte o un carrello, è sufficiente esporre 1 solo contrassegno autostradale sul veicolo trainante.

ANCHE DIGITALE
Da quest’anno la vignetta per l’Austria può anche essere in formato digitale, attraverso il negozio elettronico Asfinag, ma attenzione: la validità della vignetta inizia dal 18° giorno dopo l’acquisto, per effetto del diritto di recesso per gli acquisti online.
Quindi, l’acquisto fa fatto con almeno 18 giorni di anticipo dall’effettivo viaggio, indicando sul sito la targa del proprio veicolo e pagando con le più diffuse carte di credito, oltre a PayPal.

LE SANZIONI
Particolarmente onerose le sanzioni per chi non dispone della vignetta oppure non effettua la foratura con le modalità indicate sulla vignetta stessa: da 120 Euro possono raggiungere i 3.000 Euro. Da segnalare la presenza di controlli proprio in uscita dagli autogrill austriaci, è quindi consigliabile come estrema soluzione, l’acquisto della vignetta al primo autogrill disponibile.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 10 gennaio 2018