Salone di Ginevra 2018: Peugeot

By Saloni

Sullo stand Peugeot di Ginevra, troneggia un leone che in pratica sovrasta l’intero Salone. Rappresenta simbolicamente la grinta del costruttore francese, che anche in questa occasione non risparmia le novità.

E’ Nuova 508 il modello con cui Peugeot punta al segmento delle berline alto di gamma, con il suo look da tre volumi ammicca al mondo delle fastback a 5 porte. Una scelta stilistica che sottolinea la ricercatezza di un design proiettato verso un posizionamento sempre più incalzante nei confronti dei consueti concorrenti tedeschi.

Giulio Marc d’Alberton, Responsabile Comunicazione di Peugeot Italia, manifesta apertamente il suo gradimento per la grinta di Nuova 508 che già frontalmente esprime una forte personalità.

“Nuova 508 è priva dei montanti ai finestrini, quindi si ispira anche al mondo delle coupé – evidenzia Giulio Marc d’Alberton – ed anche l’abitacolo risulta sorprendente, grazie alla nuova generazione del cruscotto intelligente Peugeot.”

Dal grande schermo centrale in alta definizione di ben 10 pollici, possiamo comandare varie funzioni della vettura. Affianca il volante compatto e la strumentazione interamente digitale, volutamente sottile per favorire la visibilità della strada.

Come sempre, il conducente potrà personalizzare stile e contenuti del quadro strumenti, in base alle proprie preferenze. Nuova 508 si presenta come un vero concentrato di tecnologia fatto per favorire il piacere di guida, grazie anche alle sospensioni a smorzamento limitato.

In arrivo ad ottobre, può essere ordinata già ora in una edizione speciale definita ‘First Edition‘, dalla completa dotazione di accessori e con solo 100 le unità destinate al mercato italiano.

Disponibile con motori sia benzina (1.6 PureTech Turbo da 180 oppure 225 CV), sia Diesel (BlueHdi 1.5 da 130 CV, oppure 2.0 da 160 e 180 CV), e cambio automatico EAT8 di serie (eccetto Diesel 130 CV che consente di scegliere anche il cambio manuale a 6 rapporti).

Nel futuro di 508 è previsto anche un ibrido con la spina da 200 CV, abbinato al 1.6 benzina di classe Pure Tech.

Tra la dotazione relativa alla sicurezza, il completo pacchetto di sistemi automatici ausiliari comprende un innovativo sistema di visione notturna: il conducente potrà individuare esseri viventi anche oltre 200 m, ovvero ben oltre la portata del gruppo ottico della vettura.

Sullo stand Peugeot troviamo anche un modello totalmente nuovo, appartenente alla categoria dei veicoli multispazio. Rifter ha un design grintoso che strizza l’occhio al mondo suv, forte di una versatilità che deriva dalla possibilità di aggiungere il sistema di motricità avanzata Grip Control con il meccanismo di assistenza in discesa.

Nuovamente l’abitacolo propone la configurazione Peugeot iCockpit, con strumentazione in posizione rialzata e volante compatto, un approccio che conferma la voglia di attrarre una clientela ad ampio spettro.

Rifter arriverà a settembre ed è disponibile in due distinte lunghezze, 4,40 e 4,75 metri, sia a cinque sia a sette posti con possibilità di gestire il seggiolino bimbi nel posto centrale (notoriamente il più sicuro in una vettura).

Tra i sistemi che facilitano la sicurezza, nel completo pacchetto troviamo anche il controllo di stabilità dell’eventuale rimorchio. Gamma motori composta dal benzina PureTech 1.2 da 110 oppure 130 CV, oppure Diesel 1.6 BlueHDi da 75, 100 e 130 CV con possibilità di abbinamento al sofisticato cambio automatico EAT8 ad 8 rapporti.

Sullo stand troviamo anche un prototipo definito Rifter 4×4 che suggerisce la probabile evoluzione in un veicolo a trazione integrale, grazie all’apporto del partner Dangel. La trazione integrale è enfatizzata dagli pneumatici tassellati, mentre posteriormente in Peugeot hanno pensato di agganciare una mountain bike a pedalata assistita, disegnata dallo stesso Design Lab Peugeot.

Tra le caratteristiche uniche di questa mountain bike, la batteria inserita all’interno del telaio, con una autonomia che può raggiungere i 125 chilometri.

Uno spazio interamente dedicato al design, ha infine il compito di illustrare l’impegno di Peugeot in tema di stile e di soluzioni per la mobilità alternative all’auto, o ancor meglio integrabili con l’auto.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 12 giugno 2018