Jeep Patriot, nuovi interni

By Vetrina

Il marchio Jeep incrementa la qualità della vita a bordo dell’Urban Adventure Jeep Patriot, grazie ad un abitacolo totalmente rinnovato. Contraddistinti da un motivo tondeggiante, i nuovi interni donano un aspetto accogliente, più confortevole ed elegante. Grazie anche a nuove superfici e materiali di qualità superiore, rispetto alla versione precedente.

La consolle centrale è stata completamente ridisegnata e ora si ispira a linee più morbide ed avvolgenti. Contrastando le linee decise e squadrate del design esterno, che rimandano alla prima generazione di Jeep Cherokee. Il quadro strumenti presenta una forma arrotondata che avvolge al suo interno la strumentazione di nuovo disegno. Lo stesso motivo curvilineo lo si ritrova su: vano portaoggetti, bocchette di areazione e quadro strumenti.
I rivestimenti interni di qualità superiore conferiscono all’abitacolo di Jeep Patriot un aspetto più ricercato. I braccioli sui rivestimenti delle portiere donano maggior comfort ai passeggeri. I sedili rivestiti in pelle sono di serie sulla versione Limited e rendono ancora più esclusivi i nuovi interni del compact SUV Jeep Patriot. Eleganti cromature impreziosiscono la leva del cambio, le cornici della strumentazione, le bocchette di areazione, le finiture delle portiere e quelle del cassetto portaoggetti.

Jeep Patriot offre una serie di sofisticati equipaggiamenti per l’informazione e lo svago. Impianto radio dotato di lettore CD-DVD-Mp3 (con ingresso AUX per lettore Mp3). La versione Limited presenta di serie la radio il caricatore a 6 dischi, montato in plancia. Su questa versione è possibile montare il sistema di navigazione UConnect GPS. Con Radio-CD-DVD-MP3 e WMA. Il tutto riproducibile in un display da 6,5 pollici. E’ disponibile nelle versioni Sport e Limited, equipaggiate con il propulsore da 2,0 litri turbodiesel da 140 CV di potenza e 310 Nm di coppia, in abbinamento alla trasmissione manuale a sei velocità. Prezzi a partire da 23.700 euro.

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 27 gennaio 2009