Carburante a 1 euro con Fiat

By Attualità

Sta facendo parlare la campagna promozionale che fino al 31 luglio 2012 consente di acquistare una vettura Fiat, con la possibilità di rifornirsi presso le stazioni IP, e pagare il carburante, benzina o gasolio, 1 euro.

A supporto della campagna, in Fiat sottolineano come lo scorso aprile si sia registrato un sensibile calo dei consumi di carburante, pari al 14,5%. Un dato che ha spinto l’azienda a congegnare una promozione che sicuramente non passa inosservata.

IL PARTNER
La rete di distributori su cui è appoggiata l’iniziativa, è quella della società italiana IP, che su 4.200 distributori, conferma l’adesione di 3.700 punti di rifornimento. In questo significativo numero sono compreso anche i distributori autostradali. Nella foto allegata, il numero di distributori per ciascuna regione.

COME FUNZIONA
Al momento dell’acquisto di una nuova vettura Fiat, entro il 31 luglio 2012, il cliente riceve dal concessionario una card con un Pin. La card è legata alla vettura acquistata, con un ammontare di litri di carburante che varia in base al modello scelto. La card è utilizzabile fino 31 dicembre 2015, oppure ad esaurimento dei litri previsti.
Il cliente si reca in uno dei distributori convenzionati. Esibisce la carta al gestore, digita il Pin e paga ogni litro 1 euro. I litri erogati di volta in volta, vengono detratti dal totale presente sulla carta. In sostanza una vera e propria tessera a scalare.

I VANTAGGI
Se il cliente sceglie, ad esempio, una Bravo Multijet, il rifornimento totale è pari a 2.000 litri. Considerando i consumi di questa vettura, pari a circa 45.000 km, otteniamo la percorrenza media di circa due anni e mezzo di utilizzo.

LE VETTURE
Ecco i modelli oggetto della promozione, con a fianco i rispettivi litri di benzina o gasolio che verranno caricati sulla card:

500, Panda e Panda Classic – 1.200 litri
Punto e Qubo – 1.700 litri
Bravo, Doblò e Sedici – 2.000 litri
Freemont – 2.500 litri (4.500 per il 2.6 V6 benzina)

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 4 giugno 2012