Prova anteprima Yaris Hybrid

By Prove

Consumi ridottissimi, nuova trasmissione e cambio automatico di serie: un buon inizio, per la nuova Yaris ibrida, la prima automobile full hybrid in vendita nel segmento B in Europa. D’altra parte Yaris rappresenta il modello Toyota più venduto in Europa: 2,5 milioni di unità commercializzate fino ad oggi. Anche in Italia è il modello “best seller” del costruttore giapponese, forte di oltre 700.000 unità immatricolate sino ad ora.

Il lancio internazionale, con prova su strada, della nuova Yaris Hybrid è avvenuto nel centro e nei dintorni di Amsterdam dove l’ex “piccolo genio” ha dato prova di mantenere tutte le promesse grazie a bassi consumi, al minimo impatto ambientale (non solo per le emissioni di Co2), all’accelerazione sempre pronta, alla manovrabilità e alle esclusive potenzialità di guida in EV, uno dei sistemi di guida disponibili. L’inedita trasmissione è stata ottimizzata per essere installata all’interno del nuovo, compatto, packaging dell’abitacolo, senza compromettere qualità e rendimento del sistema e nemmeno lo spazio per i passeggeri e per i loro bagagli.

In sintesi, il sistema full hybrid unisce un nuovo motore benzina da 1.5 litri a un motore elettrico dotato di un pacco batteria più compatto. Questa è la tecnologia che permette di abbassare consumi ed emissioni, rispettivamente, a soli 3,1 l/100 km nel ciclo urbano e 79 g/km di Co2 nel ciclo combinato, consentendo ai clienti di sfruttare frequentemente la guida elettrica, eliminando così anche le emissioni di idrocarburi e altre sostanze inquinanti come il Pm. I test condotti su strada con la trasmissione Hybrid Synergy Drive di Toyota hanno dimostrato come un’elevata percentuale degli spostamenti quotidiani venga effettuata con il motore termico spento, rappresentando quindi grandi benefici economici per il guidatore.

La Yaris Hybrid entererà nella fase di prevendita nei prossimi giorni. Per la commercializzazione vera e propria bisognerà aspettare settembre, ma si sa già che i prezzi dovrebbero partire da 17.500 euro, lo stesso della versione Diesel, anche se i listini dei pacchetti sono ancora da definire e se ne saprà di più a breve. Per la nuova piccola ed ecologica urban city (ma non solo) di Toyota sono previsti tre allestimenti: Lounge, Lounge + e Style, con una dotazione particolarmente completa già dalla partenza. “Con la Yaris Hybrid – ha sottolineato Massimo Gargano, ad di Toyota Motor Italia – prevediamo di raggiungere una quota del 10 per cento sul totale delle vendite Yaris”. Non dovrebbe essere difficile centrare questo traguardo visto che la qualità del progetto si sposa ad un invitante risparmio economico quando si farà rifornimento alla pompa di benzina.

La griglia anteriore più ampia, i fari con luci diurne ed i gruppi ottici posteriori a led distinguono questa versione dalla famiglia Yaris, così come il logo Toyota con lo sfondo blu. All’interno plancia e rivestimenti hanno ora nuove colorazioni, mentre la strumentazione retroilluminata facilita la visione e il controllo del sistema ibrido. Nella consolle centrale sono posizionati il monitor Toyota Touch, i comandi del clima e della radio, mentre il pulsante per la marcia in modalità elettrica è alloggiato nel tunnel centrale. Praticità e innovazione in un colpo solo.

Il ridotto ingombro delle batterie, infine, ha permesso di mantenere 286 litri di volume del bagagliaio, come le Yaris a benzina e Diesel. Sotto il cofano pulsa il nuovo motore 4 cilindri a benzina da 1.5 litri accoppiato a quello elettrico. La potenza complessiva è di 100 cv mentre il cambio è un automatico Cvt a variazione continua. Tre le possibilità di guida: Normal, Eco ed Ev. La funzione Ev, a sola energia elettrica e pertanto a zero emissioni, ha un’autonomia di circa 2 km ad una velocità di 50 km/h. La modalità Normal è la più risparmiosa nell’alternare costantemente elettrico e termico, come constatato durante il test drive olandese. La velocità massima di Yaris Hybrid è di 165 km/h.

Daniele Vaninetti

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 1 giugno 2012