In Valtellina con Mercedes-Benz GLC Coupé

By Prove

mercedes-benz-glc-coupe-1

Una personalità che ben interpreta l’incrocio di razza tra due distinte carrozzerie, porta GLC Coupé ad esprimere un piacere di guida che Mercedes-Benz ha sempre fatto suo. Le differenti tecnologie disponibili, si sommano all’offerta in tema di motori, per conferire una dinamica di marcia che sa essere sportiva e confortevole nel contempo.

Da qualche anno Mercedes-Benz ha iniziato l’affiancamento di ogni modello in gamma con una versione Suv, che lo stesso costruttore ha opportunamente definito come ‘Suv Attack’. Il completamento di questo progetto, passa attraverso la nomenclatura dei modelli in gamma, a cui è stata anteposta la lettera ‘G’ per identificare in maniera inequivocabile l’appartenenza di genere.

mercedes-benz-glc-coupe-5

Ecco quindi con una iconica capostipite cui spetta la definizione di Classe G, e ben 6 modelli che declinano le rimanenti classi in gamma, ad eccezione dei modelli sportivi.

GLA, CLC, CLE, GLS sono poi state ulteriormente affinate con la declinazione Coupé, quindi un Suv che ammicca alla elegante sportività di una slanciata carrozzeria, appunto coupé.

Dopo l’esordio di GLE Coupé, arriva ora GLC Coupé, pronta a contrastare l’offerta di un altro costruttore tedesco che per qualche ha goduto di una solitaria posizione privilegiata.

122420_broadcast83

Ma la pacchia è finita, direbbe qualcuno, ed ora Mercedes-Benz con i due Suv coupé interpreta in maniera egregia il carattere più sportivo di modelli che contrappongono un Cx di soli 0,31 alle prerogative di un Suv vero e proprio.

bagagliaio-mercedes-benz-glc-coupe

Elementi come lo spazio, con GLC Coupé vengono soddisfatti ampiamente grazie a 1400 litri complessivi che si rivelano interessanti per chi pratica sport, e necessita di spazio per trasportare i propri attrezzi.

4-matic

Come ogni Suv che si rispetti, su GLC Coupé viene proposta di serie la trazione 4 Matic, in grado di gestire in maniera ottimale la ripartizione della coppia in perfetta sintonia con il cambio automatico a 9 rapporti.

mercedes-benz-glc-coupe-8

E per un piacere di guida di livello superiore, il sistema ‘Dynamic Select’ offre la scelta tra programmi di marcia che enfatizzano sportività o comfort.

Magari con l’aggiunta della opzionale regolazione meccanica delle sospensioni Dynamic Body Control, per un ulteriore affinamento della dinamica di marcia in base alle preferenze di ogni conducente.

Infine, le sospensioni pneumatiche Air Body Control portano la stabilità di marcia al top, enfatizzando nuovamente l’agilità sportiva.

mercedes-benz-glc-coupe-7

Abbiamo guidato GLC Coupé sulle strade della Valtellina, come la splendida panoramica che da Lecco porta nel cuore delle Alpi Lombarde. Un percorso che non ci ha consentito di esprimere tutta la potenza offerta dal motore, ma in compenso ha esaltato il comfort e la capacità di viaggiare in totale souplesse.

mercedes-benz-glc-coupe-3

Il cambio in particolare, con l’inavvertibile passaggio da una marcia all’altra, ci ha nuovamente convinto dopo le precedenti prove su altri modelli in gamma.

mercedes-benz-glc-coupe-6

Abbiamo gradito anche la posizione di guida, ma dobbiamo ammettere che in manovra la visibilità posteriore di GLC Coupé è ridotta ai minimi termini. La retrocamera in alta definizione si è rivelata essenziale, nel consentire manovre in sicurezza.

La gamma motori si presenta piuttosto mirata, con il Diesel proposto in tagli da 136, 170, 204 e 258 CV ed ancora maggiore potenza per i benzina con 211 e 245 CV. In zona AMG, spiccano invece i benzina da 367 CV e l’ibrida da 320 CV complessivi con però solo i 235 kW del motore termico conteggiato ai fini fiscali.

Con un listino che esordisce a 54.330 euro per il 220 Diesel, GLC Coupé punta direttamente alla fascia più premium del mercato. Come solito, chi non si accontenta troverà la giusta soluzione nello sportivo allestimento AMG, che su GLC 43 viene proposto a 75.870 euro.

Bruno Bianchi

LEGGI ANCHE: Visita al Museo Mercedes-Benz

Condividi  Share on FacebookGoogle+Tweet about this on Twitter

Last modified: 3 gennaio 2017